Colasanti: "Strategie condivise per la società digitale"

L'EVENTO

Il presidente dell'International Institute of Communications rilancia il confronto tra i Paesi. Quattro gli obiettivi da raggiungere: reti a banda larga, nuovi servizi, norme e quadro istituzionale ad hoc. Se ne discuterà a Johannesburg il prossimo ottobre

di F.Me.
Effettuare il roll out di infrastrutture a banda larga; sviluppare nuovi servizi e applicazioni; elaborare un quadro normativo che tuteli capacità dell'industria di innovare, proteggendo allo stesso tempo gli interessi dei consumatori; creare, infine, un quadro istituzionale adatto.

Sono questi gli obiettivi che ciascun Paese deve puntare a raggiungere per realizzare una società digitale in grado di migliorare la qualità delle vita dei cittadini, il business delle imprese, arricchendo allo stesso tempo il tessuto sociale e culturale della società. Secondo Fabio Colasanti, presidente dell’International Institute of Communications (IIC) “si tratta di sfide che accomunano tutti i Paesi, dove però condizioni di mercato molto diverse tra loro potrebbero portare a mettere in campo strategie diverse”.

“Tuttavia - prosegue Colasanti - i politici, i legislatori e le aziende potrebbero trarre grandi vantaggi dal confronto delle loro esperienze”. E proprio per rilanciare questo confronto l’IIC terrà a Johannesburg, il 3 e 4 ottobre prossimi,  la conferenza annuale sul tema “Trends in Global Communications: Making Digital Society a Universal Reality”.

14 Luglio 2011