Vodafone: nessuna gara al massimo ribasso

LA REPLICA

L'azienda replica alle accuse dei sindacati: "L'assegnazione di una parte del servizio clienti business alla società Datel Telic frutto di un'accurata valutazione". E si riserva di agire a tutela dei propri interessi

Con riferimento agli annunci da parte delle segreterie nazionali sindacali di settore Tlc agli organi di stampa, Vodafone smentisce di far ricorso a commesse al massimo ribasso, precisando che l’azienda ha avviato una gara di appalto, che ha visto l’assegnazione di una parte del Servizio Clienti Aziende alla società Datel Telic. Tale esito è frutto di un’accurata valutazione delle candidature presentate per la gara, con particolare riferimento alla capacità di soddisfare le esigenze di servizio dei Clienti Vodafone, apportando soluzioni innovative anche dal punto di vista tecnologico.

Vodafone Italia smentisce pertanto ogni illazione strumentale e infondata relativa all’adozione dei criteri di valutazione per la selezione delle aziende vincitrici della gara di appalto in questione. Pur nel rispetto dei vincoli di confidenzialità che regolano l’accordo raggiunto con Datel Telic, Vodafone precisa che i dati riportati da alcune agenzie di stampa che riferiscono di affermazioni espresse dalle segreterie nazionali sindacali non corrispondono a quelli reali e dunque risultano false e quindi capaci di nuocere all’immagine e alla reputazione della società. Vodafone si riserva perciò di agire in tutte le sedi competenti a tutela dei propri interessi.

Qualità, eccellenza e innovazione rappresentano i requisiti fondamentali in ogni processo di selezione delle aziende fornitrici di Vodafone. Come dimostrato dagli ingenti investimenti realizzati fino ad oggi, Vodafone Italia ha da sempre fatto, e continua a fare, del Contact Center un asset strategico del proprio business. Per tale motivo ha attivato da diversi anni un modello di impresa basato sulla collaborazione con aziende di eccellenza che abbiano requisiti e obiettivi condivisi, indispensabili per il raggiungimento del successo dell’intera filiera produttiva, stimolando al contempo lo sviluppo di soluzioni innovative che possano portare valore al cliente e al territorio.

Con i recenti accordi siglati in Puglia e Calabria, Vodafone ha contribuito a creare 500 nuovi posti di lavoro, che si vanno ad aggiungere alle 7000 persone che già lavorano nell’indotto e agli oltre 3000 dipendenti Vodafone che si occupano di assistenza ai clienti. Si tratta, complessivamente, di oltre 10.000 persone che gestiscono più di 30 milioni di chiamate ogni anno.

22 Luglio 2011