In Portogallo la fibra 'di casa' è firmata Huawei

NUOVE RETI

L'azienda cinese è stata scelta da Portugal Telecom per lo sviluppo della nuova rete Fiber-to-the-Home

In Portogallo la fibra “a casa” è targata Huawei Technologies. L’azienda cinese, specializzata in soluzioni per reti di telecomunicazione, di nuova generazione è stata scelta da Portugal Telecom (PT) per un progetto di sviluppo della rete Fiber-to-the-Home (Ftth) nazionale con l’obiettivo di incrementare i livelli di efficienza dei suoi servizi, soprattutto quelli dell’offerta commerciale Meo basati sull’Iptv. In questa prospettiva l'implementazione della rete Ftth permetterà all’operatore di incrementare livelli di efficienza e di qualità dei servizi nell’ottica di proporre un'offerta allargata ad altri ambiti come High Definition Iptv, servizi ottimizzati Internet ad alta velocità e servizi avanzati di telefonia Ip.

“La nuova rete che Portugal Telecom provvederà a implementare consentirà l'accesso ai servizi più avanzati e affidabili attualmente disponibili, rispondendo alla crescente domanda da parte della clientela - spiega Zeinal Bava, Ceo di PT Group -. Nascerà un nuovo modo di operare, che inaugurerà una nuova era sul piano della capacità di creazione, di innovazione e di cooperazione”.
Il progetto è l’ulteriore passo della collaborazione tra Huawei e Portugal Telecom, iniziata nel 2007, che ha che ha portato l’azienda cinese ad effettuare test sul campo e in laboratorio per l’erogazione della tecnologia ottica di nuova generazione per la rete di accesso portoghese basati sulla tecnologia Gigabit Passive Optical Network (Gpon).

“Huawei è lieta di questa partnership con Portugal Telecom per lo sviluppo della sua rete di accesso - commenta Xie Xinping, General Manager di Huawei Portugal -. Siamo certi che le nostre capacità tecnologiche e l'impegno da sempre dimostrato ci consentiranno di supportare al meglio PT attraverso soluzioni customizzate, che contribuiranno a mantenere la posizione preminente di Portugal Telecom sul mercato portoghese”.

15 Giugno 2009