iPhone 4S, stop di Samsung su Italia e Francia

LA GUERRA DEI BREVETTI

Il produttore coreano annuncia azioni giudiziare per vietare la distribuzione del nuovo smartphone Apple: "Viola i brevetti dei nostri sistemi W-Cdma"

di P.A.
Non sono trascorse nemmeno 24 ore dalla presentazione del nuovo iPhone 4S e già il device rischia di subire gli effetti della guerra di brevetti tra Apple e Samsung. L'operatore coreano ha annunciato che intende assumente iniziative giudiziare per bloccare l'uscita del nuovo iPhone in Italia e Francia, sostenendo che il nuovo modello violerebbe due dei suoi brevetti sulle tecnologie mobili. Si tratta di brevetti concernenti i sistemi W-Cdma, utilizzati per le connessioni a banda larga mobili. Inoltre, "dopo esami supplementari" l'iniziativa potrebbe estendersi ad altri paesi, ha aggiunto Samsung.

Intanto, ieri, il fatto che non fosse uscito nessun iPhone 5 dal cilindro di Apple, ha tradito le attese del mercato. Cupertino ha presentato un nuovo modello di "melafonino", ma niente di eclatante. Di fatto, il nuovo Ceo di Apple Tim Cook, all'esordio nelle vesti di successore di Steve Jobs, assente per la prima volta dalla ribalta dopo il recente ritiro, ha mostrato il nuovo iPhone 4s, una versione aggiornata dell'iPhone già presente sul mercato. L'unica novità vera del device è la funzionalità di comando e riconsocimento vocale, che consente di gestire lo smartphone con alcune frasi codificate. Una funzione accessibile per ora in inglese, francese e tedesco, ma non italiano.

Tanta delusione ha penalizzato il titolo della Mela, che a Wall Street è arrivato a perdere fino al 5%, prima di chiudere con una leggera flessione dello 0,5%.

Esteticamente il nuovo iPhone 4s è identico all’originale, lanciato più di un anno fa, è munito di una fotocamera da 8 megapixel e due antenne che consentiranno di migliorare la ricezione del segnale, la qualità del suono e la velocità di download dei dati. L’iPhone 4s potrà inoltre essere utilizzato sia su reti Gsm che Cdma.

La novità di maggior richiamo, oltre al già citato chip ‘dual core’ A5, è però il nuovo dispositivo di comando e riconoscimento vocale Siri, che consente di fornire all’iPhone comandi vocali anche di una certa complessità. Siri è per ora disponibile solo in tre lingue (inglese, francese e tedesco) ma sara’ presto esteso anche ad altre.

Il prezzo di lancio dell’iPhone 4s, previsto per il 14 ottobre (ma in Italia arriverà solo il 28 ottobre) è di 199, 299 o 399 dollari per le versioni da 16, 32 o 64 Gb. La vecchia versione da 8 Gb sarà conseguentemente messa in vendita per 99 dollari.

Per quanto riguarda il controllo vocale, sarà sufficiente porre una domanda all'iPhone, con tono colloquiale, per ottenere una risposta 'ragionata'. Ad esempio: "devo prendere l'ombrello?". Ed ecco comparire le previsioni del tempo. Ma Siri non si ferma qui, perché sarà possibile rispondere a messaggi sms ed email semplicemente dettando o gestire la propria agenda usando la sola voce.

Scettiche le prime reazioni degli analisti. "Sono passati sedici mesi e tutto quello che hai è un processore A5 sull’iPhone 4 preesistente", ha chiosato l’analista di Bgc Partners Colin Gillis. Ma la sfida ad Android, lo smartphone di Google e Samsung ormai leader sul mercato Usa, forse è solo rimandata. Tim Cook conclude la presentazione descrivendo i successi dell’iPhone e dell’Ipad (il 92% delle 500 aziende più importanti della lista di Fortune lo sta testando o utilizzando) per poi passare la parola a Scott Forstall, responsabile del sistema operativo iOS, del quale presenterà la versione 5. Tra le novità di iOs5, che verrà lanciato il prossimo 12 ottobre, una maggiore integrazione con Twitter e altri social network e un servizio di messaggistica istantanea riservato agli utenti del sistema operativo.

IOs5 sarà disponibile gratis per i possessori di iPhone 4, 3Gs, iPad 1 e 2 e iPod Touch. Novità in arrivo anche per il non fortunatissimo browser Safari, diventato piu’ ‘leggibile’.

Tra le novità di IOs5 spicca iMessage, la risposta di Apple al BBM di BlackBerry - si integra con tutti i device Apple; Newsstand: come iBook Store ma per quotidiani e periodici - ovvero un'edicola virtuale dove ci si abbona e i nuovi numeri appaiono automaticamente, come consegnati sull'uscio di casa; Pc free: non è più necessario avere un computer per adoperare iPhone e iPad - gli aggiornamenti arrivano wireless. Quindi è il turno di iCloud - sempre il 12 ottobre. D'ora in poi la musica comprata su iTunes si scaricherà su tutti i device e in più tutto il materiale acquistato in passato è immediatamente disponibile grazie a un nuovo pulsante.

05 Ottobre 2011