Apple batte Samsung. Niente Galaxy in Australia

LA GUERRA DEI BREVETTI

Un tribunale locale blocca la vendita dello smartphone touch. Intanto in Olanda i coreani aggirano il divieto di commercializzazione: presto sul mercato device costruiti con tecnologie diverse da quelle su cui Cupertino rivendica il copyright

di F.Me.
Prima vittoria per la Apple del dopo Jobs. La compagnia ha vinto un'importante battaglia legale, bloccando temporaneamente la vendita del Galaxy Tab 10.1 di Samsung in Australia.

Il giudice Annabelle Bennett ha emesso un'ingiunzione temporanea contro la vendita. Praticamente Samsung non potrà distribuire il suo prodotto finché non verrà risolta la querelle con la casa di Cupertino. La decisione è un duro colpo per Samsung, poiché la compagnia coreana sperava di mettere il tablet sugli scaffali entro Natale.
Il mercato australiano è ancora relativamente piccolo, ma – secondo gli analisti - la vittoria di Cupertino è significativa e potrebbe rappresentare un precedente. La Mela sta infatti aspettando un pronunciamento su Samsung anche da parte di un tribunale californiano dopo un primo stop imposto al Galaxy in Germania.

Apple e Samsung hanno avviato un duro braccio di ferro legale in 10 paesi sui brevetti per la produzione degli smartphone e dei tablet.

Intanto i coreani affilano le armi. Per aggirare il divieto di vendita in Olanda, in vigore da oggi per ingiunzione di un tribunale locale, Samsung lancerà smartphone costruiti con tecnologie alternative. “Abbiamo scelto di costruire smartphone utilizzando tecnologia alternativa: tutti i componenti proibiti sono stati sostituiti con altri che impiegano altre soluzioni – ha annunciato il portavoce della compagnia, James Chung - Inizieremo a vendere tali smartphone modificati già a partire da questo mese”.
I prodotti interessati dal blocco commerciale sono Galaxy S, il Galaxy S II ed il Galaxy Ace. I prodotti modificati saranno realizzati, ha aggiunto Chung, esclusivamente per il mercato olandese.

13 Ottobre 2011