Banda larga, Corecom Calabria "Accordo Regione-Mse fondamentale passo avanti"

L'INTESA

La presidente Gulisano: "Svolta nella diffusione di Internet veloce. Ora cambierà il futuro dei nostri territori"

di F.Me.
"L'accordo per lo sviluppo della banda superveloce sul territorio regionale varato dalla Giunta Scopelliti col Ministero per lo sviluppo economico (lo scorso 14 ottobre ndr) costituisce un importantissimo passo avanti per la diffusione della banda larga e delle reti di nuova generazione in Calabria". Lo ha dichiarato la presidente del Corecom-Calabria, Silvia Gulisano .

"La nostra regione - ha aggiunto la presidente del Comitato regionale per le Comunicazioni - sconta distanze siderali e collegamenti difficili che si traducono in isolamento e ritardi ed ha bisogno più di altre di queste infrastrutture tecnologiche, di reti in fibra ottica che consentono le connessioni internet ad alta velocità. Si tratta di autostrade, in questo caso telematiche, che fanno viaggiare più rapidamente informazioni e servizi evoluti e rappresentano occasioni preziose di crescita e di sviluppo per i cittadini, i professionisti e le imprese".

"Come hanno ribadito operatori del settore, studiosi ed esponenti politici nazionali, il 23 settembre scorso a Reggio al convegno sulle nuove frontiere della Comunicazione presieduto dal presidente del Consiglio regionale, Francesco Talarico - conclude la Gulisano - non sono 'uno' dei tanti strumenti di sviluppo ma 'il' fattore-fulcro capace di dare una spallata a sistemi bloccati, in grado di mutare il destino di territori e di intere aree del mondo. Il programma avviato dalla Giunta regionale calabrese è di portata straordinaria e va in questa direzione: con un impegno finanziario complessivo di oltre 28 milioni di euro, permetterà lo sviluppo dei servizi a banda larga almeno fino a 20 Mbit e la realizzazione di infrastrutture di dorsale che serviranno le aree rurali".
Stando ai termini dell'accordo l'attuazione degli interventi sarà stata promossa dalla Regione con un impegno finanziario complessivo di oltre 28 mln di euro, di cui 23 a carico dei Fondi Comunitari Regionali.

20 Ottobre 2011