Telecom riapre il bond a 5 anni per 250 milioni di euro

FINANZA

Dopo il recente collocamento di obbligazioni concluso con successo per un valore di 750 milioni, l'azienda rilancia con una nuova emissione e riduce il rendimento complessivo dal 7,15% al 6,97%

di P.A.
Telecom Italia ha concluso con successo il lancio di un'ulteriore emissione obbligazionaria a tasso fisso per un controvalore di 250 milioni di euro, riservata a investitori istituzionali.

L'operazione rappresenta la riapertura della recente emissione da 750 milioni. L'ottima performance sul mercato secondario dell'emissione effettuata lo scorso 13/10 ha confermato la forte richiesta per il credito Telecom Italia ed ha permesso di prezzare l'emissione odierna con un rendimento del 6,423%.

La cedola annua lorda riconosciuta per l'emissione dall'azienda guidata da Marco Patuano ammonta al 7%, mentre il prezzo di emissione è del 102,522% (rimborso a 100). Il rendimento effettivo a scadenza è pari a 6,423% e corrisponde a un rendimento di 430 punti base sopra il tasso di riferimento (mid swap).

A seguito della riapertura, il rendimento dell'emissione con scadenza gennaio 2017 - che diventa di totali un miliardo d'euro - è sceso al 6,97% (dal 7,15% originario). I titoli saranno emessi nell'ambito del programma Emtn da 20 miliardi di euro del gruppo e saranno quotati presso la Borsa del Lussemburgo.

31 Ottobre 2011