BT anticipa il roll out della fibra al 2014. Sul piatto 300 mln di sterline

INVESTIMENTI

La rete raggiungerà i 2/3 delle abitazioni britanniche. Impiegati 250 ingegneri. Il ceo Livingstone: "Contribuiamo a sostenere l'economia del Regno Unito"

di F.Me.
BT completerà la sua rete in fibra nel Regno Uniti entro la fine del 2014, in anticipo rispetto alla scadenza iniziale. L’infrastruttura coprirà i 2/3 delle abitazioni britanniche e impiegherà circa 250 ingegneri. Per il lancio anticipato verranno spesi circa 300 milioni di sterline nell’ambito di un investimento globale da 2,5 miliardi. Il roll out – spiega BT in una nota - “aiuterà il governo a realizzare il suo obiettivo di mettere in campo la migliore rete super veloce d’Europa entro il 2015”.

"La disponibilità della banda larga super-veloce contribuisce a stimolare l'economia britannica e a guidare la crescita regionale – sottolinea il ceo di BT, Ian Livingstone – Il lancio della nostra rete è uno dei più veloci al mondo e siamo felici di poter anticipare i tempi di un programma così ambizioso e impegnativo”.
In Uk sei milioni di abitazioni hanno già accesso alla rete in fibra della banda larga di BT. Il prossimo anno la cifra salirà a 10 milioni e nel 2014, appunto, saranno cablati i 2/3 delle abitazioni. La rete sarà disponibile anche per tutte le società su una base all'ingrosso.

L’annuncio di BT è stato accolto con favore dal governo di Sua Maestà. Il primo a dirsi soddisfatto è stato Jeremy Hunt, segretario di stato per Cultura con delega alle Olimpiadi, secondo cui “con l'accesso a banda larga super-veloce le imprese del Regno Unito avranno l'infrastruttura di cui hanno bisogno per crescere e sviluppare nuovi prodotti e servizi. Questo investimento crea nuovi posti di lavoro oggi,e allo stesso tempo ci permette di avere a disposizione una solida infrastruttura digitale per i lavori di domani”.
BT ha anche annunciato che è pronta ad estendere la capacità della propria rete in fibra, lavorando con il settore pubblico.

02 Novembre 2011