Riuscirà Apple a conquistare la Cina?

L'ANALISI

Zte e Huawei puntano sul mass market con smartphone low cost. E anche Lenovo propone soluzioni per gli utenti a basso reddito. Gli analisti: i produttori occidentali dovranno riorganizzarsi, la partita vera si gioca in due anni

di Patrizia Licata
I vendor cinesi possono far paura ad Apple? Gli smartphone economici prodotti da aziende come Huawei Technologies e Zte stanno cominciando a diffondersi sul mercato locale, aumentando la concorrenza per i prodotti esteri come l’iPhone.

Finora il business cinese degli smartphone è stato per lo più high-end, dominato da Nokia, Apple e Samsung e appannaggio di consumatori più ricchi. Ma gli analisti notano che sta iniziando a svilupparsi un forte mercato per gli smartphone low-end, anche grazie al rapido sviluppo dei contenuti per piattaforma mobile e alla creazione di reti 3G.

La Cina è il più vasto mercato mobile mondiale per numero di abbonati, ed è quindi una delle arene fondamentali dove si gioca la competizione per i produttori di terminali evoluti. Huawei e Zte, più note come vendor di attrezzature di rete per operatori telecom, cominciano a conquistarsi importanti quote di utenti anche come produttori di device grazie ai loro prodotti meno costosi (circa 150 dollari) rispetto all’iPhone o agli smartphone di Samsung e Htc, e quindi molto più adatti al pubblico cinese che, nella maggior parte dei casi, non ha un'alta capacità di spesa.

L’ascesa degli smartphone economici in Cina va naturalmente anche a vantaggio dei carrier mobili, non solo dei produttori locali di handset. China Mobile, per esempio, il primo operatore mondiale per numero di abbonati, considera la possibilità di offrire smartphone low-cost come cruciale per potenziare le vendite e persuadere gli utenti a migrare verso i servizi mobili di terza generazione.

Ci sono poi aziende di altri settori che premono per approfittare del momento positivo del mercato degli smartphone in Cina, come Lenovo, nota per i computer, ma che produce anche handset e ha iniziato quest’anno a offrire uno smartphone Android chiamato A60 che costa 959 yuan, insieme al carrier China Unicom.

Secondo l’analista di Gartner CK Lu, perciò, aziende come Apple e Samsung possono ancora espandersi in Cina sul segmento di fascia alta, ma nel giro dei prossimi due anni la pressione dei modelli low-price si farà sentire prepotente e potrebbe spingere i vendor oggi dominanti a considerare la proposta di modelli meno costosi.

Mentre è chiamata a riconsiderare le sue strategie sui mercati emergenti, Apple deve incassare intanto la decisione del tribunale spagnolo che ha dato ragione in appello a una piccola società locale, la Nuevas Tecnologias y Energias Catala, NT-K, in una causa brevettuale sui tablet mossa due anni fa da Cupertino. La NT-K ha impugnato con successo la precedente sentenza del tribunale che vietava le importazioni in Spagna del suo tablet prodotto in Cina. "Siccome il nostro tablet arrivava in contemporanea con l’iPad, noi pensiamo che Apple volesse tenere fuori dal mercato quanti più concorrenti possibile”, dichiara Pedro David Pelaez, partner e fondatore di NT-K. Ora la società di Valencia chiede ad Apple il pagamento dei danni e le ha anche fatto causa per comportamento anti-concorrenziale.

Problemi in via di risoluzione, invece, per la batteria del nuovo iPhone 4S: Apple ha fatto sapere che rilascerà un aggiornamento software per il sistema operativo iOs 5 che dovrebbe risolvere le difficoltà segnalate da alcuni clienti del nuovo modello: “Un ristretto numero di utenti ci ha riferito di una durata inferiore al previsto della batteria sui terminali iOs 5”, dichiara Apple in una nota. “Pubblicheremo un aggiornamento software che eliminerà gli errori nel giro di qualche settimana”.

03 Novembre 2011