Il Pos si fa "mobile": smartphone e tablet i nuovi "lettori"

SERVIZI

Telecom Italia e Triveneto Bassilichi battezzano "Pos on mobile", una soluzione che interagisce con bancomat e carte di credito: per effettuare le transazioni via telefonino basta scaricare un software ad hoc. Un mini-lettore portatile "abilita" l'Olipad di Olivetti

di F.Me.
Pagare tramite bancomat e cartare di credito senza Pos? Da adesso si può. Telecom Italia e Triveneto Bassilichi, controllata del hanno sviluppato un innovativo servizio di Ict che consente i pagamenti con carte di credito e bancomat mediante l’utilizzo di uno smartphone, o di un tablet Olipad, con l’ausilio di un mini-lettore portatile di carte, senza quindi la necessità di disporre di un Pos.

La nuova soluzione “Pos On Mobile” - questo il nome del servizio - è rivolta a tutti coloro che hanno esigenza di effettuare transazioni in mobilità ed abilita i cellulari a ricevere pagamenti tramite carte bancarie grazie ad un applicativo software installato all’interno dello Smartphone o dell’Olipad che dialoga via bluetooth con il lettore della carta. La transazione avviene nel rispetto dei massimi standard di sicurezza, Sepa e Emv, e in maniera conforme alle omologazioni previste dal mercato nazionale.

“Pos On Mobile” offre in maniera semplice ed intuitiva tutte le funzionalità dispositive ed informative per il servizio di pagamento. La soluzione è costituita da uno Smartphone o da un Olipad forniti da Telecom Italia, dotati di uno specifico applicativo software - realizzato in collaborazione con Beeweeb - e da un mini lettore portatile di carte, leggero ed ergonomico. Per attivare il processo di transazione è sufficiente che l’operatore digiti sulla tastiera del cellulare o del tablet l’importo da addebitare e passare il Bancomat o la carta di credito del cliente nel lettore; lo Smartphone o il tablet si interfacceranno con un server attraverso il quale viene contattato l’Istituto di Credito e autorizzato il pagamento, il tutto via rete mobile.

Questo servizio innovativo consente, inoltre, al cliente di potere apporre una firma in modalità digitale tramite la tastiera touchscreen del telefono cellulare e di potere ricevere il relativo scontrino tramite sms o e-mail.

21 Novembre 2011