Zte investe 314 mln $ per gli e-book di China Unicom

MOBILE

Diversificazione in vista per il produttore di infrastrutture di networking che punta sui libri digitali per incrementare i ricavi. Nel mirino anche il cloud

di P.A.
Zte, il secondo produttore cinese di infrastrutture di rete dopo Huawei, investirà 2 miliardi di yuan, pari a 314 milioni di dollari, per sviluppare un impianto per la produzione di servizi di e-book per conto di China Unicom. Lo rende noto Bloomberg, precisando che l’investimento servirà ad ampliare l’Internet center di Changsha, che nei prossimi tre anni passerà da 300 a mille dipendenti. Lo ha detto Yu Yifang, Vice President di Zte. Nel nuovo centro si produrrà il servizio WoReading immesso sul mercato da China Unicom lo scorso mese di aprile.

Zte vede “un grosso potenziale” nell’accaparrarsi servizi web based da parte dei carrier che già utilizzano le sue infrastrutture di rete, ha detto il presidente Shi Lirong, tanto che il chariman di Zte sta procedendo ad una diversificazione delle attività del gruppo di Shenzen al di là delle apparecchiature di netowrking, per abbracciare nuovi segmenti di business, in particolare il cloud, che entro cinque anni nei programmi dovrà rappresentare un terzo di ricavi.

Il servizio WoReading di China Unicom conta su 21,5 milioni di utenti registrati. Il servizio tramite il WoStore ha totalizzato 60 milioni di download nel suo primo anno di vita e consente agli internauti di scaricare libri, riviste e audiolibri sullo smartphone, è in concorrenza con un analogo servizio targato China Mobile.

22 Novembre 2011