Ceva Logistic, licenziati 38 lavoratori ex Telecom

LA VERTENZA

Cgil, Cisl e Uil lanciano l'allarme: "Decisione presa senza confronto sindacale. Subito il reintegro degli addetti"

di F.Me.
Sono 38 i lavoratori ex Telecom Italia licenziati da Ceva Logistic senza accordo con i sindacati. La notizia è stata data in una congiunta di Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil. “Si è conclusa ieri a Roma presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, con un verbale di esperita procedura e quindi senza nessun accordo - precisa il testo - la fase amministrativa della procedura di licenziamento collettivo di 38 lavoratori Ceva Logistics che, a partire dal 1° febbraio 2012, rimarranno senza lavoro a causa della reinternalizzazione della commessa da parte di Telecom Italia. I 38 lavoratrici e lavoratori fanno parte del ramo d’azienda (all’epoca circa 400 persone) che, nel 2003, venne esternalizzato verso Tnt insieme alle attività di logistica e dei magazzini Telecom.”

“Oggi Telecom decide che una parte dell’attività, quella della Logistica Operativa che si occupa della gestione e del reintegro delle scorte dei materiali verso i negozi, verrà svolta di nuovo in-house a partire dal 1° febbraio 2012 - prosegue la nota - Nonostante ciò i lavoratori non seguiranno il loro lavoro perché Telecom ha dichiarato di non voler riassorbire coloro che sempre hanno operato su tale attività, determinando per la prima volta una scissione pericolosa ed inaccettabile tra il lavoro ed il lavoratore”.

I sindacati ricordano che nonostante le numerose pronunce della magistratura che stabiliscono la nullità della cessione del ramo "Telecom ha dichiarato che solo di fronte a sentenze di Cassazione procederà al reintegro forzato dei lavoratori". Un atteggiamento da condannare perché - ricordano - potrebbe rappresentare un precedente pericolosissimo per i lavoratori e per i rapporti relazionali con il sindacato nonchè "in in controtendenza rispetto a quanto di buono già fatto nel settore Tlc con l’articolo 53 che le Oo.Ss. intendono rafforzare in questo rinnovo contrattuale".

“I 38 lavoratori debbono essere riassorbiti in Telecom Italia insieme al loro lavoro – concludono i sindacati - ed a partire dai prossimi giorni tutte le azioni volte a determinare tale risultato saranno oggetto di valutazione da parte del sindacato e dei lavoratori interessati”.

22 Novembre 2011