Wind, sciopero il 16 dicembre contro l'outsourcing delle Network Operations

LA VERTENZA

Iniziativa indetta da Cgil, Cisl e Uil che in segno di protesta annunciano il blocco degli straordinari dal 6 al 22 dicembre

di P.A.
Cgil, Cisl e Uil hanno proclamato una giornata di sciopero per il 16 dicembre dei dipendenti di Wind contro il processo di outsourcing della rete. Ne dà notizia un comunicato della Slc-Cgil, che annuncia anche il blocco di tutte le prestazioni accessorie (straordinario, reperibilità, lavoro programmato) dal 6 al 22 dicembre.

"La vertenza - si legge nella nota - sarà lunga e complicata e la mobilitazione è solo all’inizio, non escludendo nessun livello (politico, sindacale, legale) di iniziativa. Lo studio sull’esternalizzazione della rete va fermato perché si mettono a rischio non solo le professionalità e il futuro occupazionale di 1600 lavoratori coinvolti dall’eventuale cessione, ma di tutta Wind a partire dai customer, dagli amministrativi, degli operatori it e commerciali".

Se Wind decidesse di dare in outsourcing la gestione della rete per Milano e la Lombardia ci sarebbe "una forte ricaduta sul territorio" con circa 500 lavoratori che potrebbero essere coinvolti. Sono le stime della Rsu Slc-Cgil di Milano che per domani annuncia un presidio, dalle 16 alle 19 davanti al negozio sociale Wind di piazza Cordusio.

25 Novembre 2011