Cable & Wireless, un miliardo di sterline il conto per Vodafone

ACQUISIZIONI

E' già battaglia sulle cifre: gli azionisti di Cww non sono disposti a fare sconti ma secondo la telco britannica l'azienda vale meno di quel che promette. C'è tempo fino al 12 marzo per chiudere il takeover

di P.A.

Vodafone dovrà spendere almeno un miliardo di sterline per acquisire Cable & Wireless Worldwide (Cww), il maggior fornitore di reti in fibra ottica per le aziende. Lo rende noto il Sunday Times, aggiungendo che gli azionisti di Cww in questo momento non sono disposti a vendere le loro quote anche se la quotazione del titolo è nettamente aumentata da quando una settimana fa è emersa la volontà di Vodafone di procedere al takeover. 

“C’è una bella differenza fra quanto l’acquirente è disposto a pagare e a quanto gli azionisti di lungo corso sono disposti a cedere l’azienda”, dice un investitore. In ogni caso, in base alla normativa in vigore nel Regno Unito, Vodafone ha tempo fino al 12 marzo per fare un’offerta ufficiale per C&W Worldwide. Il dilemma di Vodafone riguarda la scarsa performance finanziaria di Cww: “Questa è un’azienda che ha sempre promesso molto più di quanto ha realizzato”, dice una fonte di Vodafone.

Vodafone Group ha confermato una settimana fa che sta valutando un'offerta per la britannica Cable & Wireless Worldwide, fornitore globale di servizi voce, dati e Ip. "Vodafone regolarmente esamina opportunità nel settore e conferma di essere nelle primissime fasi di valutazione del merito di una potenziale offerta per Cww", ha dichiarato oggi la società in risposta a indiscrezioni stampa, aggiungendo che un'eventuale offerta sarebbe in cash.

Cable & Wireless Worldwide ha lanciato una serie di profit warning da quando si è separata dalla ex Cable & Wireless a marzo 2010. A novembre ha nominato l'ex manager di Vodafone Garvin Darby come nuovo amministratore delegato.

Secondo il Sunday Times, che ha scritto che Vodafone sta considerando un'offerta da 700 milioni di sterline per C&W Worldwide, anche la società di private equity Apax sarebbe interessata.

Secondo David Molony, principal analyst della società di analisi Ovum, si tratterebbe di un’operazione a carattere globale e non ristretta al mercato del Regno Unito. “La nomina di Gavin Darby proveniente da Vodafone come nuovo Ceo di Cable&Wireless Worldwide (Cww) l’anno scorso doveva essere di buon auspicio per la fusione, ma ha preso tutti di sorpresa, come dimostrano le reazioni del mercato – dice l’analista – un merger con Cww porterebbe in dote  a Vodafone una rete globale di servizi a larga banda fissa, da integrare con i network mobili presenti in tutto il mondo, accrescendo il peso dell’operatore soprattutto nel settore enterprise. Inoltre, l’operazione sarebbe in linea con la strategia di crescita di Vodafone nell’area Asia-Pacifico: Cww detiene la maggior penetrazione nel business dei servizi su rete fissa per conto dei provider  nell’area Asia Pacifico,  in Europa e negli Usa.  

Tuttavia, diventare una telco completamente integrata renderebbe le cose difficili persino a Vodafone, che detiene alcuni contratti importanti per la fornitura di servizi di rete fissa da altre telco come BT. Anche per questo motivo i l merger con Cww solleverebbe alcune perplessità da parte del mercato”.

©RIPRODUZIONE RISERVATA 21 Febbraio 2012

TAG: vodafone, cable & wireless worldwide, cww, merger, ovum

SCARICA L'APP PER IL TUO
SMARTPHONE O TABLET
App Store App Store