Cable networks, la legge olandese viola le norme Ue

L'INCONTRO DI BRUXELLES

In un incontro a Bruxelles con gli Ad dei principali operatori di settore il commissario Neelie Kroes annuncia che l'Europa è pronta a una dura battaglia contro la proposta governativa che mira a obbligare l'accesso alla rete anche in caso di mancata posizione dominante

di Mila Fiordalisi

La Commissione europea ha confermato la propria opposizione al progetto di legge olandese che mira a obbligare gli operatori via cavo ad aprire le loro reti a terzi. E' quanto emerso da un incontro a Bruxelles fra il commissario all'Agenda digitale Neelie Kroes e gli amministratori delegati delle cable company europee

L'industria di settore ha manifestato la propria preoccupazione per i due emendamenti relativi all'attuazione delle direttive Ue sulle Tlc e per un emendamento alla legge sui media . In disuccione la conformità degli emendamenti con la normativa comunitaria secondo cui l'obbligo di apertura delle reti da parte degli incumbent si configura solo nel caso in cui dall'analisi del mercato di riferimento sia emersa una situazione di network dominante. Il commissario Kroes ha annunciato che la Commissione  europea utilizzerà tutti i suoi poteri per opporsi alle modifiche proposte dall'Olanda.

©RIPRODUZIONE RISERVATA 14 Marzo 2012

TAG: olanda, neelie kroes, cavo

SCARICA L'APP PER IL TUO
SMARTPHONE O TABLET
App Store App Store