Sms: le telco bruceranno 23 miliardi di $ nel 2012

OVUM

Ovum: il social messaging via Ip ha inferto un duro colpo ai messaggini. Dharia: "Telco sotto pressione, l'emorragia aumenterà"

di Paolo Anastasio


Secondo un report di Ovum, nel 2012 il social messaging costerà agli operatori Tlc più di 23 miliardi di dollari in mancati ricavi da sms. Neha Dharia, analista di Ovum e autore del report “Contrastare la minaccia del social messaging”, ha detto che “Quest’anno assisteremo alla diffusione globale dei dispositivi per l’invio di messaggi IP – dice – Kakao Talk si diffonderà ben oltre la Corea del Sud, mentre whatsapp continua la sua rapida diffusione nel mondo e Facebook sta rafforzando la sua presenza nel settore mobile. Le telco sono sotto pressione, difficile espandere il loro portafoglio nel segmento del messaging al di là degli sms. D’altro canto, le telco hanno già cominciato a offrire nuovi servizi innovativi basati su IP. Ma nonostante gli sforzi, l’emorragia di ricavi dovuta al social messaging sarà di 9 miliardi di dollari superiore rispetto al 2011”.

Nel 2011 gli operatori di telefonia mobile hanno perso complessivamente 13,9 miliardi di ricavi per la crisi degli sms, sostituiti dalle app di instant e social messaging basate su Ip. Nel 2010 i mancati ricavi da sms per le telco si erano attestati a 8,7 miliardi di dollari.  

L’emorragia degli sms, pari al 9% del giro d’affari complessivo del segmento messaging nel 2011, è una spina nel fianco per le casse degli operatori e una prova tangibile dei danni subiti dagli Ott. Secondo Ovum la contrazione degli sms continuerà anche in futuro. Tutto ciò nonostante la crescente capacità di banda larga mobile, che per ora non sta impattando positivamente sulle telco.

Secondo Neha Dharia, analista di Ovum che ha realizzato lo studio, “gli operatori devono rimanere aperti ad accordi con gli sviluppatori di app, condividendo con loro i dati sugli utenti per consentire l’integrazione con le connessioni social dei clienti. Lavorare gomito a gomito con i produttori di smartphone sarà un altro aspetto importante per le telco, perché controllano alcune delle più popolari app di social messaging, e possono fornire applicazioni preconfezionate. Il fattore più importante, però, resta la necessità per le telco di collaborare fra loro, perché ormai non sono più in competizione soltanto fra loro, e per questo devono fare fronte comune per fronteggiare i principali player della galassia internet”.

Nonostante la crisi degli sms, Ovum sostiene che le telco possono riprendersi perché controllano l’intera filiera della messaggistica e in particolare perché hanno accesso al numero di cellulare e ai dati degli utenti. “Il consolidato rapporto diretto sul fronte della fatturazione è un grosso vantaggio per le telco – aggiunge Dharia – perché di fatto il gestore controlla in larga misura i servizi usati dal cliente”.

©RIPRODUZIONE RISERVATA 04 Aprile 2012

TAG: telco, sms, ott, instant messaging, social, ovum

SCARICA L'APP PER IL TUO
SMARTPHONE O TABLET
App Store App Store