Agcom, Open Media Coalition chiede nomine "trasparenti"

AUTHORITY

Con un'istanza inviata al governo e al presidente della Repubblica si punta a intervenire nella fase istruttoria del procedimento e a conoscere i curricula dei candidati. Intanto continuano a circolare voci sulla nuova composizione dell'autorità: Viola e Pontarollo in pole per la presidenza. Dècina, Sassano, De Laurentis e Bergamini fra i commissari più papabili

di F.Me.

Numerose associazioni di utenti, consumatori e cittadini - aderenti, tra l'altro, alla "Open Media Coalition", impegnata da settimane in attività volte a garantire trasparenza nelle nomine dei membri dell'AgCom, del Garante per la Protezione dei dati personali e del Cda della Rai - hanno formalizzato, ai sensi della legge 241 del 7 Agosto 1990 e per la prima volta in Italia, richiesta di accesso agli atti in merito al procedimento di nomina del Presidente dell'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni. Con l'istanza - indirizzata al Presidente della Repubblica, al Presidente del Consiglio dei Ministri e al Ministro dello Sviluppo Economico, quali titolari del potere di nomina, di proposta e di intesa - le associazioni chiedono di intervenire nella fase istruttoria e di conoscere i curricula delle personalità di alta e riconosciuta professionalità e competenza nel settore, candidati a ricoprire la carica di Presidente dell' Autorità delle Comunicazioni. Hanno aderito all'iniziativa: Open Media Coalition, Cittadini Europei, Agorà Digitale, Altroconsumo, Femi, Anso, Move On Italia, Valigia Blu, Istituto Politiche per l'Innovazione, Società Pannunzio per la libertà di informazione, DataGov e Federazione Italiana della Stampa. Lo si legge in una nota Open Media Coalition.

Intanto continuano a circolare i nomi dei papabili alla presidenza di Agcom così come quelli dei commissari. In questi giorni dalla gara si è sfilato Fabio Colasanti, ex direttore generale per le comunicazioni della Commissione europea. Un super-tecnico che piaceva al governo Monti ma che per ragioni personali ha chiesto di non essere preso in considerazione.

Per raccogliere il testimone da Corrado Calabrò si fanno i nomi di Roberto Viola, segretario generale di Agcom, e di Enzo Pontarollo, docente di Economia alla Cattolica di Milano.

Per i nuovi commissari si parla invece di Maurizio Dècina, ordinario del Politecnico di Milano in Reti e Comunicazioni e fra i maggiori esperti di tlc in italia Antonio Sassano, ordinario di ricerca operativa all’Università Sapienza di Roma, “padre” del piano frequenze 2010 e a lungo consulente di Agcom e del ministero delle Comunicazioni e a suo tempo direttore generale della Fub, Rodolfo De Laurentiis, ex deputato Udc e dal 2009 consigliere di amministrazione Rai e Deborah Bergamini, deputato Pdl.
 

©RIPRODUZIONE RISERVATA 13 Aprile 2012

TAG: agcom, open media, nomine

SCARICA L'APP PER IL TUO
SMARTPHONE O TABLET
App Store App Store