Selex Communications torna a L'Aquila e inaugura un nuovo sito

TERREMOTO

Nel nuovo stabilimento torneranno a lavoro i 148 dipendenti per ora dislocati nei siti di Pomezia e Chieti Scalo

di Alessandro Castiglia
A tre mesi dal terremoto Selex Communications torna a L’Aquila. “Oggi formalizziamo l’impegno per l’apertura entro la fine di agosto di un nuovo sito di 600 mq, pronto ad ospitare 60 lavoratori e che si andrà ad aggiungere a quello già attivo che ha riportato nel capoluogo abruzzese 40 dipendenti”. Con queste parole, Giancarlo Grasso, Ad di Selex, ha presentato il nuovo stabilimento in occasione della conferenza stampa tenutasi oggi a L’Aquila. Stabilimento che andrà a sostituire quello danneggiato da sisma (ora sede della Croce Rossa) i cui 148 dipendenti sono già tornati a lavoro nelle sedi di Pomezia e Chieti Scalo.

“Dopo il sisma il rientro della forza lavoro è stato progressivo fino ad oggi – ha puntualizzato l’Ad -. Nel primo sito sono al lavoro già 25 lavoratori che diventeranno 40 entro la fine della settimana. Il nostro obiettivo ultimo è, però, la costruzione dello stabile di 7mila mq (il 20% più grande rispetto a quello danneggiato ndr) i cui lavori partiranno a gennaio 2010 e sarà pronto entro 18 mesi”. I nuovi siti faranno da cornice allo sviluppo di apparati avionici militari (Iff Mode 5) nell’ambito degli apparati avionici Cni.
La conferenza stampa è stata anche l’occasione per presentare il progetto di collaborazione che l’azienda Finmeccanica avvierà con l’Università de L’Aquila nell’ambito della comunicazione. Progetto che vedrà coinvolte anche altre aziende del territorio aquilano attive nel settore.

All’evento ha partecipato anche il sindaco Massimo Cialente. “Si tratta di progetti Ict strategici per l’industria  aquilana – ha detto il sindaco –. Motivo per cui sono pronto a firmare i provvedimenti per la costruzione del nuovo sito immediatamente dopo l’identificazione della sede”.

 

28 Luglio 2009