ST-Ericsson riduce il personale e l'R&D passa nelle mani di Stm

RISTRUTTURAZIONI

La joint venture annuncia il taglio di 1.700 dipendenti. Obiettivo: ottenere risparmi annui per 320 milioni di dollari

ST-Ericsson, la joint venture fra Ericsson e STMicroelectronics che produce microchip nel settore mobile, ha annunciato una piano di contenimento dei costi che prevede il taglio di 1700 dipendenti all’organico a livello globale, su un totale di 6400 dipendenti. L’obiettivo è risparmiare 320 milioni di dollari entro il 2013.

Nel conto dei tagli al personale rientrano gli addetti della divisione Ricerca e Sviluppo di processori applicativi, che passeranno in blocco a STMicroelectronics, insieme alla attività di R&D. I costi di ristrutturazione sono compresi fra 130 e 150 milioni di dollari.

ST-Ericsson ha annunciato che continuerà a sviluppare l’intellectual property per i modem, a vendere modem sottili ed eventualmente licenze sugli intellectual property dei modem a terzi. I dipendenti italiani di ST-Ericsson, un’ottantina tra Lombardia e Sicilia, non saranno coinvolti nel piano di riassetto che ieri in borsa ha pesato sui titoli di STMicoroelectronics ed Ericsson.

©RIPRODUZIONE RISERVATA 24 Aprile 2012

TAG: st-ericsson, ericsson, stmicrolectronics

SCARICA L'APP PER IL TUO
SMARTPHONE O TABLET
App Store App Store