Baini (Alu): "Fibra nelle case? Solo se lo chiede il mercato"

ALCATEL-LUCENT

L'ad di Alcatel-Lucent Italia interviene nel dibattito sulla rete ultrabroadband: "Bisogna evitare automatismi nell’adozione di soluzioni hi-tech. Ok a mix tecnologico"

di F.Me.

"Non si deve decidere in base alla densità della popolazione che in quella determinata area serve la fibra nelle case ma deve essere la domanda degli utenti, il mercato a spingere in questa direzione”. Lo dice Gianluca Baini, ad di Alcatel-Lucent Italia intervenendo, sul Sole 24 Ore di oggi, nel dibattito sul modello della rete di nuova generazione che vede contrapposta Telecom Italia, che sposa il vetctoring, e Metroweb convinta che la chiave sia l’Ftth. Secondo Baini “bisogna evitare automatismi nell’adozione di soluzioni hi-tech”. Ad Alcatel Lucent piace l’idea di un mix tecnologico e di un’adozione graduale della fibra.

Intanto l’azienda stringe sui tagli: il gruppo punta a chiudere entro giugno la vertenza che prevede 245 esuberi contro i 490 iniziali. Alu ha lanciato un’operazione di riposizionamento delle risorse umane. “Abbiamo avviato – spiega Baini – un programma di job marketing nelle aree servizi e delivery e uno di insourcing che punta a riportare nel perimetro aziendale competenze un tempo esternalizzate per un totale di 80 persone”.

©RIPRODUZIONE RISERVATA 13 Giugno 2012

TAG: alcatel lucent, gianluca baini

SCARICA L'APP PER IL TUO
SMARTPHONE O TABLET
App Store App Store