Orange-3: l'Antitrust Ue indaga sulla fusione

L'INDAGINE

Bruxelles mira a verificare eventuali distorsioni della concorrenza in Austria. Nel mirino l'impatto sul mercato all'ingrosso e sull'offerta ai consumatori

di F.Me.

La Commissione europea ha avviato un'indagine approfondita sull’acquisizione di Orange Austria da parte di Hutchison 3G Austria (3 Austria). L’obiettivo dell’antitrust vuole appurare se ci siano o meno problemi di concorrenza sia per i consumatori finali sia per il mercato all’ingrosso di accesso.  

Dati che la fusione andrà a ridurre il numero degli operatori di rete mobile in Austria da 4 a 3, Ue intende assicurarsi anche se questo consolidamento non comporti un aumento dei prezzi per i consumatori finali. L'inchiesta durerà 90 giorni.

In risposta all’apertura dell’inchiesta il ceo di 3 Austria Jan Trionow si è detto fiducioso sull’approvazione dell’accordo da 1,3 miliardi.

Con l’accordo, che prevede l’acquisto di asset che fanno capo a Orange Austria, incluso l’operatore mobile Yesss! per 390 milioni di euro,  Hutchison Whampoa spera di generare sinergie per almeno 500 milioni di euro in termini di costi e capex.

La cessione di Orange Austria rientra nella strategia di disinvestimento di France Telecom, che si sta liberando delle quote di minoranza detenute sui mercati europei per investire nei paesi.  In liena con questa strategia i francesi hanno  ceduto la divisione Orange Switzerland alla società di private equity Apax Partners per 1,6 miliardi di euro.

©RIPRODUZIONE RISERVATA 02 Luglio 2012

TAG: antistrust, 3 austria, orange austria, unione europea, operatori mobili

SCARICA L'APP PER IL TUO
SMARTPHONE O TABLET
App Store App Store