Samsung vs Apple, lo scontro si sposta sull'Lte

LA GUERRA DEI BREVETTI

La casa sudcoreana pronta a portare in tribunale la rivale per violazione di brevetti legati al 4G sull'iPhone 5. Cupertino corre ai ripari e acquisisce un gran numero di brevetti Lte

di Paolo Anastasio

Non accenna a placarsi la guerra dei brevetti fra Samsung e Apple. La casa coreana, dopo la recente debacle subita nelle aule giudiziarie, sta meditando di citare in giudizio Apple per l’utilizzo improprio di brevetti legati all’Lte. Lo scrive il Korean Times.

Per difendersi da possibile rivalse giudiziarie, Apple ha intrapreso una campagna di shopping rilevando un considerevole numero di brevetti legati all’Lte. Apple ha già lanciato sul mercato prodotti 4G, ad esempio l’iPad 3, ma secondo indiscrezioni di stampa Samsung sta aspettando l’imminente lancio dell’iPhone 5 per passare all’attacco sul fronte dei brevetti Lte. Apple ha intrapreso dei negoziati per introdurre l’iPhone 5 sul mercato sudcoreano, dove l’Lte è già la tecnologia standrd nel settore mobile. Samsung sta affilando le armi per impedire la commercializzazione del nuovo melafonino in casa sua.

Secondo il quotidiano sudcoreano Chosun Ilbo, Apple sta correndo ai ripari. I brevetti registrati all’European telecommunications standards institute (Etsi) mostrano che Apple era del tutto assente lo scorso anno, mentre ora ne conta 318, pari al 4,9% del totale, collocandosi nella top ten secondo i dati forniti dal Korea intellectual property office (Kipo). Samsung ha perso di recente un contenzioso intentato dal gruppo di Cupertino al tribunale distrettuale di San Jose con tanto di condanna a 1,05 miliardi di dollari di risarcimento danni e sembra voler rendere la pariglia sul fronte Lte.

Quando l’Etsi definisce gli standard tecnologici, le aziende comunicano i brevetti che hanno richiesto o di cui sono in possesso: i brevetti Lte registrati sono aumentati del 21,4% (1.139) nel primo semestre 2012 rispetto allo stesso periodo del 2011. Samsung ne vanta 819 totali (pari al 12,7%) collocandosi al primo posto, seguita dall’americana InterDigital (780 brevetti, il 12,1%). Apple ne ha sviluppati 44 in proprio sui 318 brevetti posseduti, avendo comprato il resto da Nortel e Freescale lo scorso anno. Rockstar Bidco, compagnia in cui la società fondata da Steve Jobs ha una quota di maggioranza, ne possiede altri 116, dando ad Apple il bottino finale di 434. “Questo dimostra che Apple ha adottato misure strategiche per acquisire la proprietà intellettuale prepararando eventuali controversie legali prima del lancio dei suoi smartphone Lte”, é stata l’interpretazione data da un funzionario del Kipo. L’iniziativa della compagnia Usa potrebbe configurarsi, secondo gli addetti del settore consultati dal CHosun Ilbo, come un’operazione su brevetti commerciali “occulti”, piuttosto che brevetti standard che svolgono un ruolo fondamentale nelle controversie sulla partenità di nuove tecnologie, per cui resta da vedere se Apple abbia acquisito realmente vantaggi sul campo.
 

©RIPRODUZIONE RISERVATA 05 Settembre 2012

TAG: samsung, apple, korean times, nokia, thomson reuters, ipad 3, iphone 5, chosn llbo, etsi, kipo, interdigital, nortel, freescale, rockstar bidco, steve jobs

SCARICA L'APP PER IL TUO
SMARTPHONE O TABLET
App Store App Store