Soru: "Piano per il rilancio. Tiscali ballerà da sola"

STRATEGIE

Il manager sardo annuncia l'aumento di capitale entro Natale. "Wind? Per noi solo un modello di business interessante"

di Federica Meta
“Dobbiamo fare l'aumento di capitale prima di Natale e ora stiamo lavorando al piano. Nelle prossime settimane ci concentreremo su questo”. E' l’annuncio fatto oggi dal fondatore di Tiscali, Renato Soru, a margine dell’evento di presentazione della nuova suite di servizi. Annuncio che ha fatto fare al titolo Tiscali un balzo in avanti del 5%. L'imprenditore sardo ha inoltre confermato che l’azienda “sta  facendo le cose concordate nell'ambito dell'accordo di ristrutturazione firmato con le banche con in più l'opportunità di presentarci dinanzi al mercato come un'azienda nuova, capace di innovare”. Soru ha infine confermato che sottoscriverà la propria quota pari a circa il 20% del capitale nell'ambito dell'operazione che verrà effettuata entro la fine dell'anno. Interrogato dai giornalisti sull'interesse dimostrato dal numero uno di Orascom (proprietaria di Wind in Italia) Naguib Sawiris nei confronti di Tiscali, il manager sardo ha puntualizzato: "noi balliamo da soli. Se Wind guarda a noi, noi guardiamo a loro con grande interesse visto che rappresentano un modello di business interessante".
La prima uscita pubblica dell’imprenditore sardo dopo il rientro in azienda, avvenuto tre mesi fa, ha coinciso con il lancio della nuova suite di servizi Tiscali, Tiscali Unica per navigare e parlare senza limiti anche dal cellulare, gratis da casa o in copertura WiFi.

Nello specifico l’offerta comprende l’attuale offerta Tutto Incluso (Telefono+Adsl), fino a 3 Sim Tiscali Mobile e il nuovo servizio wiPhone, che attraverso l’installazione di una semplice applicazione sul proprio cellulare, abbinata ad una numerazione aggiuntiva di tipo nomadico, consente di chiamare con il telefono cellulare (in copertura di rete WiFi) allo stesso prezzo delle chiamate dal telefono di casa. L’offerta prevede tariffe più convenienti tra tutte le numerazioni comprese nell’abbonamento. Il canone di Tiscali Unica è di 14,95 euro al mese, in promozione fino ad aprile 2010 (il costo per i mesi successivi sarà di 42,95 euro al mese) e prevede fino ad allora anche 20 euro mensili di traffico telefonico gratuito sulla Sim Tiscali Mobile. Il modem Tiscali WiFi, infine è gratis per sempre.

Il servizio Tiscali wiPhone comprende un software installato sul proprio cellulare, legato ad una SIM di Tiscali Mobile (se parte dell’offerta Tiscali Unica), o di un altro operatore (se in modalità stand alone), e ad una numerazione aggiuntiva di tipo
nomadico. In presenza di una rete WiFi, quando il cliente effettua una chiamata, wiPhone sceglie in automatico se effettuarla in WiFi o Gsm. Per esempio, se si sceglie un numero di rete fissa, wiPhone cercherà di instradarla sulla rete WiFi, invece
una chiamata verso un numero mobile sarà indirizzato tramite rete Gsm. In questo modo il cliente usufruirà delle tariffe migliori in funzione della destinazione ma, a sua discrezione, potrà ovviamente cambiare la scelta di wiPhone prima che la chiamata
venga effettuata. Tiscali wiPhone permette inoltre di inviare gratuitamente Sms verso tutti i telefoni cellulari wiPhone. Il servizio, che in modalità stand alone prevede un canone mensile di 5 euro, può essere sottoscritto online all’indirizzo wiphone.tiscali.it, chiamando il 130, presso uno dei punti vendita convenzionati Tiscali o presso i negozi Buffetti.

In questo modo Tiscali rafforza la sua vocazione di first mover: dieci anni fa, l’azienda sarda lanciava l’accesso “free Internet”, oggi per primo apre una strada nuova alla convergenza fisso-mobile. Si stima che circa il 50% delle chiamate generate da telefono cellulare vengono effettuate indoor (Fonte: OfCom – The International Communication Market), per questo l’unione tra il servizio mobile e la copertura di rete fissa in WiFi è considerata la strada per offrire dei sensibili risparmi e vantaggi all’utente.
“Il servizio, semplificando l’uso di tecnologie già disponibili, e utilizzando appropriatamente le risorse di rete fissa e le frequenze libere, ritengo rappresenti una svolta nella competitività del mercato delle telecomunicazioni e nella capacità, quindi,
di trasferire rapidamente al consumatore i benefici dell’innovazione tecnologica” ha concluso Soru, al termine della presentazione.

18 Settembre 2009