Infratel al capolinea. Mancano risorse e obiettivi

FIBRA OTTICA

In pancia alla società presieduta da Tudini 338 mln di euro ma quelli realmente disponibili sono solo un centinaio

di Alessandro Castiglia
Alcune cose fatte negli anni passati sono importanti, gli obiettivi di oggi molto ambiziosi, ma come farà a mantenere le sue promesse? È la domanda che molti si pongono a proposito di Infratel Italia, la società creata nel dicembre del 2003 dal ministero delle Comunicazioni e da Sviluppo Italia (oggi Invitalia) per combattere il digital divide nel nostro paese. La sua missione, portare reti di telecomunicazioni a banda larga nelle aree meno sviluppate, era ed è di importanza strategica per l’economia nazionale. Per questo si pensava che lo Stato non avrebbe badato a spese.
“Contiamo di investire un miliardo di euro”, disse al momento del varo l’allora amministratore delegato Francesco Chirichigno. Era quella la cifra che si riteneva necessaria per portare la connessione a Internet veloce a chi ha lo svantaggio di vivere in aree troppo marginali per attirare gli investimenti dei gestori telefonici. Dopo sei anni sono stati spesi sì e no 100 milioni, e soprattutto non c’è alcuna certezza sulle disponibilità future.

Anche se ben lontano dai progetti iniziali, il lavoro fatto in questo arco di tempo è tutt’altro che trascurabile. Infratel Italia ha scavato cavidotti per circa 2.000 chilometri, cablando in fibra ottica 293 centrali in tutte le regioni del Mezzogiorno (in particolare in Sicilia e Puglia, dove sono state realizzate reti rispettivamente per 594 e 383 chilometri), abilitando così all’offerta dei servizi a banda larga una popolazione di circa un milione di persone, che altrimenti ne sarebbe priva.
Per dare corso ai suoi piani, la società presieduta (dal 2007) da Domenico Tudini ha avuto attribuzioni per 338 milioni di euro contenute nelle leggi finanziarie fra il 2004-2008 e nelle delibere Cipe del 2005 e del 2006. Ma si tratta in gran parte di soldi teorici. Quelli resi effettivamente disponibili dovrebbero essere (nessuno può dirlo oggi con precisione) un centinaio, compresi i 20-30 sbloccati alla fine di luglio dal ministero dell’Economia che hanno consentito di effettuare pagamenti attesi lungo da tempo (con la comprensibile sofferenza dei creditori) per lavori già eseguiti.

Per farsi un’idea di quanto la realtà si sia allontanata dalle speranze del 2003, basti pensare che la prima convenzione fra Infratel e Sviluppo Italia era di soli 4 anni, dal momento che quell’arco di tempo si riteneva sufficiente a portare a termine il lavoro. Due anni dopo si è capito che ci voleva ben altro e nel 2005 si è scelto di rinnovarla per altri 20. Anche perché i progetti sono diventati nel frattempo sempre più ambiziosi, a tal punto che oggi è lecito dubitare del loro realismo. Il piano Caio sulla banda larga assegna a Infratel l’obiettivo di realizzare ben 700 centrali nei prossimi tre anni. Ma come si fa a prendere sul serio una tale previsione, considerando che nei primi 3-4 anni di attività, in cui le cose sono andate tutto sommato abbastanza bene, ne ha portate a termine 293?
Un altro ampliamento è avvenuto sull’area di intervento, inizialmente limitata al Mezzogiorno e ora estesa a tutte le zone d’Italia in cui non ci sono le condizioni di mercato per i servizi a banda larga. Nel 2008 il ministero dello Sviluppo economico ha sottoscritto accordi di programma con Emilia Romagna, Lazio, Lombardia, Liguria, Marche e Umbria. Ma questo stesso cambiamento crea un problema aggiuntivo: sono utilizzabili i fondi Fas, vincolati alle regioni meridionali? E in caso contrario da dove verranno le risorse necessarie?
La complessiva incertezza dell’orizzonte strategico, del resto, ha già fatto sentire i suoi effetti sulla vita di Infratel negli ultimi anni. Non si sono viste finora vere sinergie con la Pubblica amministrazione. Non si sono messe a fattor comune le reti, non si sono sfruttate le competenze e le dotazioni di Infratel, ad esempio per rendere più efficienti e meno costosi i servizi di telecomunicazioni di scuole o università nelle zone dove sono state fatte le reti. E soprattutto gli interventi compiuti e i soldi spesi non hanno dato alcun contributo all’apertura del mercato. 

Le nuove connessioni sono andate quasi esclusivamente a vantaggio di Telecom Italia, che fornisce servizi ai clienti sulle centrali attive. E i concorrenti? Nessuno, a parte rarissime eccezioni, si è fatto avanti per prendere in carico le linee o acquistare servizi all’ingrosso (con l’unbundling o con il bit strema access), perché tutti hanno ritenuto che in quelle aree non ci siano margini per far concorrenza all’ex monopolista. Ma se è così vuol dire che la scelta degli interventi meriterebbe di essere valutata con più attenzione. L’impressione, insomma, è che questa società non abbia ancora trovato la sua giusta collocazione. Logica vorrebbe che il governo la valorizzasse con mezzi e strategie industriali all’altezza dei suoi obiettivi. Altrimenti, tanto vale chiuderla.

28 Settembre 2009