Anfov: "Il nuovo governo vari un piano strategico per il digitale"

L'APPELLO

L'associazione per la convergenza si appella all'esecutivo che verrà: "Serve andare oltre il digital divide". Riflettori puntati sui decreti attuativi dell'Agenda

di F.Me.

Un forte impegno per l’attuazione dell’Agenda digitale e per lo sviluppo della rete. È quanto chiede l’Anfov al nuovo governo dicendosi preoccupata “per la mancanza di alcuni decreti attuativi relativi all’agenda digitale di piani di finanziamento per banda larga e ultralarga”.  “I decreti in attesa sono circa una ventina – ricorda Anfov -  e vanno dalla possibilità di digitalizzare certificati di nascita e morte, all’anagrafe unica, domicilio digitale, le facilitazioni per i nuovi scavi per la fibra, gli incentivi fiscali alle start up, fino all’obbligo per la Pa di accettare i pagamenti elettronici e gli open data”.

L’importanza del tema è stata sottolineata recentemente anche da Confindustria che, tramite il direttore generale Marcella Panucci, ha osservato che l’attuazione dell’agenda può avere un impatto paragonabile a una vera manovra di politica economica ma ha bisogno di una rapida approvazione dei decreti attuativi e soprattutto di un forte commitment politico. A questo scopo, la proposta è accentrare “sulla presidenza del Consiglio, con l'Agenzia per l'Italia digitale come agente tecnico, la responsabilità per l'attuazione dell'agenda. È necessario per superare le resistenze degli apparati pubblici che si oppongono all'innovazione”. Molto bisognerà fare anche in sede europea, “negoziando una golden rule per svincolare dal fiscal compact gli investimenti in innovazione”.

E se l’eliminazione del digital divide avanza, Anfov che lo fa a velocità non sostenuta. Secondo il Piano nazionale banda larga la definitiva scomparsa delle zone con almeno un collegamento a 2 Mbps doveva arrivare entro il 2013. “Però solo da pochi giorni il Piemonte ha ricevuto novanta milioni per azzerare il digital divide e per realizzare le infrastrutture di banda larga nelle zone attualmente scoperte dal servizio di connettività a Internet veloce (almeno 2 mbps)”. L’intervento porterà subito sul territorio 45 milioni di euro stanziati dal ministero dello Sviluppo economico e altri 45 che saranno reperiti dalla Regione nell’ambito della nuova programmazione 2014-2020 dei fondi europei. In Veneto la banda larga “quasi” per tutti dovrebbe arrivare nel 2014 e anche l’Emilia Romagna ha siglato in questi giorni un accordo con il ministero dello Sviluppo economico per chiudere il divario digitale, si spera, entro la fine di quest’anno. Per quanto riguarda il Sud altri bandi per circa novecento milioni di euro riguardano lo sviluppo del broadband in Basilicata, Calabria, Campania, Molise e Sicilia.

Come ricorda Anfov, si tratta di interventi di primo livello quando si avverte l’assenza di piani di finanziamento per la banda larga e ultralarga. E mentre l’Italia vanta ancora un deficit infrastrutturale in oltre 6mila località del Paese, secondo il rapporto di Akamai in Europa siamo all’ultimo e al penultimo posto per numero di connessioni broadband e high broadband.

“Il lancio di un piano strategico - ribadisce l’associazione per la convergenza - è una delle misure più urgenti che dovranno essere adottate dal prossimo governo, mentre altri provvedimenti serviranno per colmare le lacune in tema di incentivi al commercio elettronico, strategie e obiettivi per le comunità intelligenti, e per la regolamentazione del mercato delle telecomunicazioni”. Il dubbio però è che il prossimo esecutivo non abbia la forza e il tempo per mettere mano alle questioni che riguardano il digitale. il tempo passa e l’It ha chiuso il 2012 con una diminuzione del 4%, mentre le tlc scendono del 3,5%.  

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA 26 Marzo 2013

TAG: anfov, agenda digitale, piano nazionale banda larga, marcella panucci confindustria

SCARICA L'APP PER IL TUO
SMARTPHONE O TABLET
App Store App Store