Internet "divora-energia", colpa del wifi

LO STUDIO

Nel 2015, prevede una ricerca dell'Università di Melbourne, soltanto il 9% delle emissioni sarà dovuta ai data center, il resto alle connessioni wireless

di E.L.

L'attenzione delle industrie e degli ambientalisti per cercare di rendere più verde il cloud, diminuendo i consumi dei grandi data center ha scelto il bersaglio sbagliato. Per l'Università di Melbourne non sono questi i problemi centrali, ma tutte le infrastrutture, da quelle per il 4G al wireless. Nel 2015, prevede la ricerca, il 9% delle emissioni sarà dovuta ai primi, mentre il resto alle connessioni wi-fi.

Il consumo dei grandi agglomerati di computer che servono a immagazzinare i dati sono finiti recentemente anche nel mirino di Greenpeace, che ha dedicato al tema un rapporto, e molti centri di ricerca stanno studiando data center sempre meno energivori. A spingere in su le emissioni però, spiegano gli autori, è la tendenza sempre maggiore a utilizzare il cloud con tablet, smartphone e in generale dispositivi con connessioni senza fili.  ''I data center sono solo una parte dell'ecosistema più vasto del cloud-computing - scrivono gli autori del Center for Energy-efficient Communications - Nei fatti è il network stesso, soprattutto il link finale tra le infrastrutture e il dispositivo dell'utente la componente più preoccupante del consumo di energia''.

Secondo i calcoli degli autori entro il 2015 il cloud consumerà fino a 43 Terawattora di energia, che nel 2012 erano solo 9,2, con un aumento del 460%. Questo implica un aumento della produzione di CO2 da 6 milioni a 30 milioni di tonnellate, l'equivalente di 4,9 milioni di auto in più nelle strade. Fino al 90% del consumo sarà attribuibile alle tecnologie di accesso ai network senza fili, mentre i data center saranno responsabili del 9%.

©RIPRODUZIONE RISERVATA 10 Aprile 2013

TAG: wifi. università melbourne, internet, cloud, greenpeace

SCARICA L'APP PER IL TUO
SMARTPHONE O TABLET
App Store App Store