Apple: primo calo dell'utile, salta Cook?

LA TRIMESTRALE

Attesi per domani i conti del secondo trimestre fiscale. Gli analisti stimano profitti in forte contrazione a 9 miliardi di dollari. Pesa la diminuizione delle vendite di iPhone e iPad legata alla concorrenza di Samsung e Google. Intanto a Wall Street si vocifera di una possibile sostituzione di Tim Cook al timone

di F.Me.

Il giorno della verità per Apple arriverà martedì. Con i conti del secondo trimestre fiscale (da gennaio a marzo 2013), la società di di Cupertino potrebbe infatti annunciare il primo calo degli utili su base annua degli ultimi 10 anni, ovvero dal debutto sul mercato di iTunes nel 2003.
A pesare sul bilancio della Mela sarebbero le vendite deludenti dei gadget del marchio, iPhone e iPad in testa, messi sempre più alle strette dalla competizione agguerrita di Samsung, ma progressivamente anche di Google, che sta sbarcando sul mercato con prodotti direttamente concorrenti. E gli analisti non sono teneri. Secondo le previsioni, la contrazione rispetto allo stesso periodo dello scorso anno sarà infatti a due cifre e compresa tra il 18% e il 20%. L'utile dovrebbe così scendere a circa 9-9,5 miliardi di dollari.

In attesa della diffusione dei risultati ufficiali, vanno così intensificandosi le preoccupazioni sul fatto che, dopo una dozzina d'anni di crescita senza precedenti, uno dei protagonisti assoluti della Silicon Valley stia ormai perdendo lo smalto di un tempo. Dal lancio dell'iPod nel 2001, gli utili annuali di Apple si sono moltiplicati esponenzialmente, passando da 65 milioni ai 41,7 miliardi di dollari dell'anno scorso. In parallelo è andato crescendo a ritmi forsennati anche il valore del titolo in Borsa, con una capitalizzazione record che a settembre scorso ha raggiunto il picco di 660 miliardi di dollari. Allora l'azione della Mela era scambiata sopra quota 700 dollari, mentre ora è scesa a 390,53 dollari, il livello più basso dal dicembre del 2011, perdendo anche lo scettro di società a maggiore capitalizzazione del mondo, riassegnato alla petrolifera Exxon.
 

I segnali preoccupanti sono del resto già emersi nell'ambiente dei fornitori di componenti per tablet e smartphone della mela. Cirrus Logic, ad esempio, società che destina ad Apple il 91% delle sue forniture, ha chiuso un trimestre sotto le attese. I suoi magazzini sono pieni, segno che, a causa del rallentamento della domanda, da Cupertino vengono richiesti sempre meno componenti. Lo stesso è accaduto per Hon Hai Precision Industry, il maggior fornitore della mela che ha registrato il calo più pesante dei ricavi in 13 anni. Gli analisti calcolano infatti che nel trimestre le vendite di iPhone si siano arrestate a 34,2 milioni di unità, con un calo di un milione esatto.

Intanto secondo alcune indiscrezioni che circolano a Wall Street e rilanciate dalla rivista Forbes, Apple sarebbe alla ricerca di un nuovo ceo che prenda il posto di Tim Cook. "Voci di corridoio" vedrebbero la società pronta  a rimpiazzare la sua guida per l’immobilità che ha caratterizzato la Mela in questo ultimo periodo – l'azienda di Cupertino non ha lanciato di recente nuovi prodotti - ma la possibilità che questo accada sono decisamente "remote". La stessa Forbes definisce la fonte inaffidabile.

©RIPRODUZIONE RISERVATA 22 Aprile 2013

TAG: apple, trimestrale, samsung, google, tim cook, forbes

SCARICA L'APP PER IL TUO
SMARTPHONE O TABLET
App Store App Store