Telecom Italia: scorporo rete, al vaglio la quotazione della newco

L'OPERAZIONE

Secondo indiscrezioni di stampa non ci sarebbe ancora un accordo tra l'operatore e la Cdp sulla valutazione dell'asset

di E.L.

Telecom Italia, secondo indiscrezioni di stampa, starebbe considerando la quotazione in Borsa della newco alla quale trasferirà la rete, coinvolgendo la Cassa Depositi e Prestiti. Non ci sarebbe ancora un accordo sulla valutazione implicita della rete fissa, che dovrebbe essere pari a 15 miliardi euro per Telecom e 10 miliardi per Cdp. "Nel nostro caso base, le attività domestiche ex rete dovrebbero trattare implicitamente meno di 3 volte l'Ebitda e ci aspettiamo un re-rating" dell'azione, commentano da Kepler.

Inoltre, continuano gli esperti, separando la rete, il gruppo tlc  dovrebbe cristallizzarne il valore e diminuire i rischi per il bilancio, affrontando il problema principale della struttura azionaria che non supporta la crescita industriale di lungo periodo. "Questo è il motivo per cui pensiamo che la società andrà avanti con la separazione della rete e la vendita delle attività commerciali a Hutchison Whampoa, mentre un aumento di capitale in questo piano è "improbabile", concludono dalla casa d'affari.

Oggi il titolo è balzato in Borsa di quasi il 4% per chiudere a +3,7%.

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA 29 Aprile 2013

TAG: telecom italia, newco, scorporo rete, cdp, cassa depositi e prestiti, Hutchison Whampoa, kepler

SCARICA L'APP PER IL TUO
SMARTPHONE O TABLET
App Store App Store