Forbes, le "women in tech" scalano la classifica

FORBES

Sheryl Sandberg (Facebook) al sesto posto. Ma anche altre top manager dell'Ict guadagnano quota nella top 100 stilata dalla prestigiosa testata

di Patrizia Licata

Sheryl Sandberg di Facebook, Ginni Rometty di Ibm, Meg Whitman di Hp, Susan Wojcicki di Google, Sun Yafang di Huawei: le donne dell'hitech non solo occupano posizioni di comando nelle loro aziende, ma hanno un potere che va oltre la sfera manageriale. La lista annuale stilata da Forbes delle 100 donne più potenti del mondo include infatti non solo leader politici e influenti personaggi dello spettacolo, come Oprah Winfrey, ma anche miliardarie e imprenditrici, attiviste della filantropia e delle Ong, e molte top manager del mondo della tecnologia e dei media, tutte donne accomunate dalla capacità di essere "agenti del cambiamento".

“Abbiamo selezionato le donne della top 100 tra personaggi che vanno oltre la tradizionale tassonomia dell’elite di potere (politico ed economico)”, spiega Forbes, “perché queste nuove agenti del cambiamento stanno spostando l’idea di autorità e influenza e trasformano il mondo in modo nuovo”.

Se è dunque vero che la donna che concentra nelle sue mani più potere è per la rivista americana il cancelliere tedesco Angela Merkel, e se tra i nomi che spiccano ci sono quelli di Hillary Clinton e della Regina Elisabetta II d’Inghilterra, al n. 6 troviamo la Sandberg, Coo di Facebook, al n.12 la Ceo dell’Ibm Rometty  (per la prima volta nella lista, come il 40% delle donne quest’anno), al n.15 la Whitman, Ceo di Hp, al n. 24 Anne Sweeney, Co-Chairman di Disney Media Networks e President del Disney/ABC Television Group, al n. 30 la SVP of ads di Google Wojcicki, al n.36 Amy Pascal, Co-Chairman della Sony Pictures Entertainment, al n.77 la presidente di Huawei Technologies Sun, al n. 98 la Cfo di un altro colosso cinese, Baidu, Jennifer Li.

Sono sempre più numerose le donne imprenditrici, tra cui Miuccia Prada, Arianna Huffington e Kiran Mazumdar-Shaw, la prima imprenditrice indiana del biotech. Lo sviluppo economico dei paesi asiatici ha portato del resto molti nomi da Cina, Singapore, India e Tailandia nella classifica di quest’anno.  

Nella lista compaiono in tutto 24 Ceo che controllano, complessivamente, 893 miliardi di dollari di fatturato annuo; 16 di queste donne hanno fondato le loro aziende, come Tory Burch e Sara Blakely (abbigliamento). Ci sono anche 14 miliardarie, con un patrimonio totale di 82 miliardi di dollari. Per Forbes sono “potenti” anche due giornaliste che conducono i notiziari tv negli Usa:  Diane Sawyer, di World News, ABC, Walt Disney (n. 73), e  Greta Van Susteren, che conduce le Fox News di News Corp (n. 97).

©RIPRODUZIONE RISERVATA 15 Luglio 2013

TAG: Sheryl Sandberg, Facebook, Ginni Rometty, Ibm, Meg Whitman, Hp, Susan Wojcicki, Google, Sun Yafang, Huwaei, Forbes, Oprah Winfrey, Angela Merkel, Hillary Clinton, Elisabetta II, Anne Sweeney, Disney Media Networks, Disney/ABC Television Group, Amy Pascal, Sony Pictures Entertainment, Huawei Technologies, Baidu, Jennifer Li, Miuccia Prada, Arianna Huffington, Kiran Mazumdar-Shaw, Tory Burch, Sara Blakely, Diane Sawyer, ABC, Walt Disney, Greta Van Susteren, News Corp

SCARICA L'APP PER IL TUO
SMARTPHONE O TABLET
App Store App Store