Vivendi tratta con Etisalat per cedere Maroc Telecom

L'OPERAZIONE

Il gruppo francese sta negoziando la vendita del 53% dell'operatore marocchino a Etisalat. L'operazione rientra nel piano di disinvestimento nelle tlc per rafforzare l'area media

di Paolo Anastasio

Vivendi ha annunciato l'avvio di trattative esclusive con l’operatore di telefonia di Abu Dhabi Etisalat per la vendita della sua quota del 53% nel capitale di Maroc Telecom, per un importo di 4,2 miliardi in contanti, che comprende anche il dividendo del 2012 pari a 310 milioni di euro. Il buon esito dell’operazione è condizionato all’accordo fra Etisalat e il governo marocchino, azionista di peso nell’operatore.  

Vivendi vorrebbe concludere l'operazione entro fine anno e ha specificato che terrà in parallelo anche colloqui con un consorzio di investitori istituzionali marocchini, per definire i termini di un loro potenziale investimento.

Per Vivendi si tratterebbe della prima grande operazione di disinvestimento nell'ambito della strategia, annunciata un anno fa, di ridurre la propria esposizione nel settore delle telecomunicazioni per concentrarsi maggiormente sul business dei media.

L'offerta valorizza la quota del 53% di Vivendi in Maroc Telecom a 92,6 dirham per azione e indica un enterprise value di 4,5 miliardi di euro, equivalente a 6,2 volte l'Ebitda.

La possibile cessione delle quote detenute in Maroc Telecom da parte di Vivendi è in ballo almeno dallo scorso mese di ottobre. Il primo azonista del gruppo Vincent Bollorè (nella foto) spinge sulla cessione degli asset tlc per concentrarsi sul polo dei media: Canal+, i videogiochi di Activision Blizzard e la casa discografica Universal. Sulle attività tlc di Vivendi, che in Francia controlla l'operatore Sfr, pesa la concorrenza della low cost Free Mobile.

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA 23 Luglio 2013

TAG: vivendi, sfr, etisalt, maroc telecom, vincet bollorè, canal+, activision blizzard, universal

SCARICA L'APP PER IL TUO
SMARTPHONE O TABLET
App Store App Store