Telecom Italia, Benetton cederà la quota entro la metà del 2010

TELCO

Lo ha garantito Gilberto Benetton, numero uno di Edizione Holding, che fa capo a Sintonia che a sua volta ha una partecipazione del 2% in Telecom e dell'8,4% in Telco

di Federica Meta
Il Gruppo Benetton cederà tutta la sua partecipazione in Telecom, pari al 2% del capitale del Gruppo di Tlc e lo farà "sicuramente entro la prima metà del 2010. Lo ha garantito Gilberto Benetton, numero uno di Edizione Holding (che fa capo a Sintonia che a sua volta ha una partecipazione del 2% in Telecom e dell'8,4% in Telco), parlando a margine di un convegno sullo sport.
Benetton ha negato, dunque, la possibilità di rimanere azionisti di Telecom. “È escluso”, ha assicurato, chiarendo che questo “lo sanno i nostri soci”.
“Cederemo le azioni Telecom, pian pianino più o meno sul mercato”. Non è però ancora chiaro se la cessione avverrà attraverso un private placement o per blocchi. “Non abbiamo ancora deciso perché non abbiamo ancora le azioni”. Quanto alla tempistica, l'operazione verrà conclusa “sicuramente entro la prima metà del 2010”.
“I tempi - ha chiarito Benetton - sono brevi o medi", soprattutto perché Benetton non prevede aumenti del valore del titolo Telecom nei prossimi mesi: “Il prezzo è questo”, inutile quindi aspettarsi una plusvalenza: “E' una battuta ha detto Benetton ai cronisti.
Quanto alla modalità per l'uscita, già preannunciata, dal capitale di Telco, “si sta studiando. Non abbiamo ancora le idee chiare su che fare”.

20 Novembre 2009