Un buono-acquisto in premio a chi ricicla il vecchio cellulare

FRANCIA

Il Segretario di Stato francese all'Ecologia denuncia gli sprechi: "Troppi cellulari dimenticati nei cassetti. Possono essere recuperati e riutilizzati, anche per i Paesi in via di sviluppo"

di Patrizia Licata
Quanti telefoni cellulari non vengono adeguatamente smaltiti nei nostri Paesi? La Francia è decisa a mettere un freno ai rifiuti elettronici, ma anche al semplice spreco costituito dai tanti cellulari inutilizzati abbandonati nei nostri cassetti. Il segretario di Stato all’Ecologia, Chantal Jouanno, propone un premio per chi riconsegna il vecchio telefonino al negoziante, una possibilità che già tutti i consumatori hanno, ma di cui pochi usufruiscono: “Solo il 3% dei vecchi apparecchi viene realmente riconsegnato e recuperato”.

La proposta di Chantal Jouanno consiste in una sorta di bonus-malus: un sistema di premi per spingere i consumatori a riportare i vecchi cellulari ai negozianti; poi, quando acquistano il telefonino nuovo, potranno ottenere qualche euro di sconto.

Alcuni operatori offrono già ai loro clienti la possibilità di recuperare i vecchi cellulari: da giugno, per esempio, Orange accetta i telefonini usati concedendo in cambio un buono per un successivo acquisto del valore compreso fra 30 e 70 euro. SFR organizza delle giornate di raccolta dei vecchi cellulari, su cui poi effettua interventi di manutenzione perché possano essere rivenduti nei Paesi in via di sviluppo. Ora però Chantal Jouanno vuole generalizzare queste iniziative, e non lasciare che restino programmi isolati.

02 Dicembre 2009