Nga: la Corte di Giustizia condanna la Germania

LA SENTENZA

Emessa la sentenza definitiva: no alle regolatory holidays per favorire gli investimenti da parte dell'incumbent. Il caso Deutsche Telekom diventa ora un precedente per la definizione delle regole europee

di Mila Fiordalisi
La Germania è stata condannata per aver applicato nel 2007 il sistema di regulatory holidays per l’accesso alle Ngn da parte degli operatori alternativi a Deutsche Telekom.

La sentenza definitiva (scarica qui il testo) è stata emessa ieri dalla Corte di Giustizia europea. La Corte ha confermato, che lo sviluppo delle reti Ngn e dei relativi investimenti deve avvenire in un ambiente competitivo.
La decisione della Corte rappresenta ora un “precedente” determinante per la definizione da parte dell’Europa delle regole di accesso alle Nga. La questione, inserita peraltro nel Telecoms Package da poco approvato dal Parlamento (l’entrata in vigore è fissata al 2011), potrà ora essere affrontata nel dettaglio.

“La Commissione europea accoglie con favore la decisione della Corte secondo cui la Germania non ha rispetto le regole in materia di competitività”, sostiene la Commissione. “La sentenza conferma che per agevolare gli investimenti nel mercato delle Tlc non è possibile dunque procedere con un alleggerimento della pressione regolatoria sugli operatori dominanti. La regilatory holidays non è compatibile con i principi europei”.

04 Dicembre 2009