I mercati emergenti? Sono già "emersi". Parola di Nokia

CELLULARI

Secondo il Ceo Olli-Pekka Kallasvuo è sbagliato continuare a bollare i paesi in via di sviluppo come mercati potenziali: "Lì milioni di utenti si connettono a Internet solo tramite terminali mobili"

di Margherita Amore
Smettere di pensare  ai paesi non occidentali come a mercati emergenti o in via di sviluppo. “Queste etichette sono nella maggior parte dei casi superate” perché non riflettono il reale stato d’innovazione e di sviluppo del business raggiunto nelle suddette aeree. Ne è convinto Olli-Pekka Kallasvuo, Ceo di Nokia, intervenuto alla fiera dell’elettronica e del consumo di Las Vegas.
Il suo keynote si è incentrato sul mercato degli utenti che utilizzano il cellulare come mezzo principale per accedere alla rete. “C’è un’intera generazione  al momento in crescita, che si connette al resto del mondo principalmente e, in molti casi unicamente, tramite i mobile device” ha spiegato Kallasvuo.
Si stima che i mobile device saranno il principale driver di crescita dei ricavi nel comparto consumer technology, come previsto dal rapporto Consumer Electronics Association's 2010. Si calcola inoltre che durante quest’anno gli smarthphone  genereranno ricavi per circa 17 miliardi di dollari.
Nokia, leader mondiale nella produzione di terminali mobili, ha attualmente perso market share sugli smarthphone a livello globale e in particolar modo nel mercato americano (a favore di Rim e Apple).

12 Gennaio 2010