Android, l'asso nella manica di Lg per vendere più cellulari

MOBILE

Obiettivi ambiziosi per l'azienda coreana che punta per il 2010 a 140 milioni di dispositivi venduti

di Davide Lombardi
Lg, terzo produttore di cellulari al mondo alle spalle di Nokia e Samsung, quest’anno punta ad aumentare del 20% la vendita di telefoni, e per farlo si affida ad Android, il nuovo sistema operativo di Google. Affidarsi ad Android significa per l’azienda coreana puntare sul mercato in crescita degli smartphones, settore nel quale Lg è in una posizione di debolezza di fronte a giganti come Apple, Research In Motion e Palm.

L’obiettivo di quest’anno, ha dichiarato oggi l’azienda, è di vendere almeno 140 milioni di dispositivi, e per raggiungerlo saranno lanciati circa 20 nuovi smartphones, dei quali più della metà si servirà del sistema operativo Android. L’offerta Lg del 2010 si baserà anche su altri sistemi operativi, il Windows Mobile di Microsoft e il LiMo di Linux.

Skott Ahn, Presidente del gruppo Lg e Ad della società che gestisce i prodotti telefonici ha espresso la necessità di puntare su più dispositivi per sostenere il business del gruppo, per poi aggiungere: "Abbiamo bisogno di dar vita a un sistema dove clienti, operatori telefonici e produttori di software possano effettivamente creare e lavorare insieme".

Intanto Garner ha fornito delle stime sulla crescita del mercato degli smartphones: secondo la società di analisi e di ricerca si passerà dai 179 milioni del 2009 ai 525 milioni di unità nel 2012

13 Gennaio 2010