Nokia: ancora licenziamenti. Taglierà 285 posti in Finlandia

PIANO INDUSTRIALE

La ristrutturazione riguarda la fabbrica finlandese di Salo e rientra nel piano industriale dell'azienda che vuole concentrarsi sulla produzione di smartphone per il mercato europeo

di Davide Lombardi
Nokia ha annunciato che taglierà 285 posti di lavoro nella fabbrica di Salo, in Finlandia. Il piano punta a focalizzare la produzione sugli smartphones per il mercato europeo. Juha Putkiranta, senior Vp of markets di Nokia dice che lo scopo "è assicurare la futura competitività dell'impianto e la sua principale funzione: è il più adatto alla produzione di device mobili ad alto valore".

L’impianto di Salo, che conta circa 2.200 dipendenti, introdurrà anche nuovi metodi  specializzati di fabbricazione, afferma Nokia, aggiungendo che ha già iniziato le trattative con i sindacati dei dipendenti sulla base del nuovo piano industriale. L'azienda finlandese studierà formule di rioccupazione per i lavoratori colpiti dal piano di ristrutturazione.

Nokia già ha tagliato, nel corso del 2009, alcuni posti di lavoro. A fine anno contava circa 124mila impiegati, contro i 126mila dell’anno precedente. I risultati dell’ultima trimestrale sono stati ottimi per l'azienda, che ha realizzato un utile netto di 948 milioni di euro (+65%), mentre sul versante smartphone, anche se la concorrenza di iPhone e Blackberry si fa sentire,  Nokia resta saldamente al primo posto.

 

09 Febbraio 2010