Motorola: dal 2011 newco separate per reti e cellulari

LA CRISI

Il business degli smartphone non regge la competizione con i concorrenti e l'azienda decice di separare le attività. Brown: "Le due aziende riusciranno a sfruttare meglio le opportunità di mercato"

di Davide Lombardi
Motorola dividerà in due l’azienda a partire dal 2011. Una parte della società si occuperà di cellulari e decoder tv, l’altra sarà focalizzata sul settore wireless e network. Saranno i due co-Ceo attuali a prendere la guida delle due newco: Sanjay Jha quella dei cellulari e dei decoder, Greg Brown l’altra. Entrambe le società manterranno il marchio Motorola. A farsi carico del debito, che dovrebbe essere di circa 3,3 miliardi al momento della scissione, sarà la società di Greg Brown.

L’azienda ritiene che affidarsi a due società indipendenti e quotate in borsa possa aiutare Motorola a migliorare la propria posizione in mercati differenti. La divisione cellulari arranca nella competizione con gli smartphones, e i nuovi cellulari intelligenti con sistema operativo Android non sono ancora riusciti a sfondare nel mercato. Anche le vendite di decoder (-21% nell’ultimo anno) e il settore wireless sono in difficoltà.

Greg Brown spiega le motivazioni di questa scelta: “Crediamo che le divisioni possano raggiungere più facilmente i rispettivi obiettivi e sfruttare in maniera migliore le opportunità di crescita come aziende indipendenti”. D’accordo con lui Mark McKechnie, analista di Broadpoint Gleacher, secondo cui “divisioni più piccole possono essere più efficienti e dedicarsi meglio al rispettivo settore”.

Anche il mercato appoggia la scelta. Il titolo dell’azienda è cresciuto del  2,3% dopo la notizia, toccando quota 6,80 dollari.

12 Febbraio 2010