Phonemedia, si va verso il commissariamento

LA CRISI DEL CALL CENTER

Il tribunale di Novara accoglie l'istanza di insolvenza: beni e conti congelati. L'Ad Claudio Marcello Massa sospeso dalle attività

di Federica Meta
Phonemedia sarà commissariata. Il Tribunale di Novara ha accolto le istanze dei lavoratori del call center e, a 48 ore dall'udienza sull'istanza di insolvenza, ha emesso un verdetto che dà qualche speranza ai settemila dipendenti dell'ex colosso dei call center passato nelle mani del gruppo Omega. Il giudice ha deciso il commissariamento della società Raf, che controllava Phonemedia, e ha sequestrato l’azienda con tutti i crediti e le disponibilità liquide ed ogni attività della società.

Il tribunale ha nominato un custode giudiziario che sarà anche amministratore giudiziario con tutti i poteri di amministrazione ordinaria e straordinaria per la gestione e l’esercizio dell’impresa oltre all’attivazione di urgente Cigs (Cassa integrazione guadagni straordinaria) dei lavoratori della Raf. Nella stessa sentenza è stata decretata la sospensione dell’amministratore Claudio Marcello Massa da ogni attività di amministrazione, inibendogli ogni attività gestoria.

Soddisfatti della sentenza i sindacati. “Tutto questo non fa che confermare la giustezza dell’impostazione nazionale della vertenza rendendo, finalmente, giustizia ai lavoratori della Raf e, presto a quelli, di tutto il gruppo Phonemedia – rimarca una nota della Slc-Cgil -. Con questa sentenza si è definitivamente dimostrata l’inaffidabilità della proprietà palesando, se ancora ce ne fosse bisogno, la strumentalità delle azioni effettuate sino ad oggi dal gruppo Omega, comprese le raffazzonate e tardive richieste di apertura di ammortizzatori sociali e la strumentale dichiarata volontà di predisporre un concordato”.

''Oggi è una giornata importante  per tutti i lavoratori di Phonemedia – commenta Enea Canai della Cisl -. Finalmente potranno usufruire degli ammortizzatori  sociali e, soprattutto, si ricomincerà a parlare di lavoro e di  recupero delle committenze''

24 Febbraio 2010