Missione asiatica per Prysmian: il business si espande in India e Cina

STRATEGIE

Hakan Ozmen, direttore della divisione Cavi Telecomunicazioni ha annunciato la nuova roadmap: "In Cina estenderemo la rete dei partner e in India presto al via uno stabilimento produttivo"

di Margherita Amore
Missione "asiatica" per l'italiana Prysmian che dal palco dell'Ftth Council di Lisbona ha oggi annunciato di voler incrementare la propria presenza e soprattutto il business in Cina e in India.

Il direttore della divisione Cavi Telecomunicazioni Hakan Ozmen oltre a ricordare la già radicata presenza dell'azienda nei due Paesi asiatici ha annunciato una roadmap votata alla "crescita". In Cina, dove l'azienda è presente stabilmente con sedi proprie, si punta sulle nuove partnership con l'obiettivo di aumentare il marketshare. In India invece, la fitta rete dei partner, sarà "affiancata" con l'avvio della produzione in loco.

Progetti di sviluppo sono in corso anche in Europa. Oggi a Lisbona il Primo ministro José Socrates ha parlato a lungo con Ozmen e alcuni rappresentanti di Cabelte Cabos Electricos e Telefónicos, partner portoghese di Prysmian. Le due società hanno appena firmato un accordo in base al quale svilupperanno insieme soluzioni Ftth per il mercato portoghese e per l'estero.

"Il Portogallo è uno dei paesi con più rapida crescita della fibra ottica", ha spiegato Ozmen. "Il nostro lavoro mira a garantire la massima penetrazione della fibra nella rete di accesso per fornire banda larga ad alta velocità. E siamo fiduciosi che la nostra società, in partnership con Cabelte, sarà un player importante nel mercato della banda larga nazionale".

25 Febbraio 2010