Nel 2009 i profitti crescono del 2,4%

TELEFONICA

Mentre in Italia i riflettori sono puntati sulla possibile fusione con Telecom Italia, Telefonica annuncia i dati finanziari relativi al 2009. L’operatore spagnolo ha registrato utili in crescita del 2,4% a 7,78 miliardi di euro (1,7 euro ad azione), in linea con le attese e conferma il target 2010. Gli obiettivi per quest'anno sono di 2,1 miliardi di profitti, di un dividendo di 1,40 euro ad azione, di un fatturato a +1-1,3%. I ricavi nel 2009 sono saliti dello 0,2% a 56,7 miliardi di euro.euro ad azione), in linea con le attese e conferma il target 2010. Gli obiettivi per quest'anno sono di 2,1 miliardi di profitti, di un dividendo di 1,40 euro ad azione, di un fatturato a +1-1,3%. I ricavi nel 2009 sono saliti dello 0,2% a 56,7 miliardi di euro.

Nella nota Telefonica spiega di aver raggiunto i target finanziari per il settimo anno consecutivo "nonostante i cambiamenti nell'ambiente economico e operativo". A livello di gruppo l'ebitda si è attestato a 22,6 miliardi di euro, in calo dell'1,4% e il cash flow operativo in crescita dell'8% a livello organico a 15,346 miliardi (+5,7%).

Il numero delle utenze è cresciuto del 5,1% attestandosi a quita 265 milioni, con un forte aumento nel mobile (+7,4%), fisso banda larga (+8,2%) e pay tv (+9,8%). Le utenze nel broadband mobile si sono attestate a 15 milioni alla fine di dicembre, rispetto ai 9 milioni del 2008.

"I fondamentali di Telefonica rimangono molto solidi  e continuano a creare valore per gli azionisti - ha commentato il presidente Cesar Alierta -. La performance del gruppo è molto solida e pone le basi per una crescita futura. Siamo ben posizionati per un rafforzamento dei margini nel 2010".

26 Febbraio 2010