Fitch: "Su Telecom Italia nessun impatto rilevante da vicenda su riciclaggio"

INCHIESTA SUL RICICLAGGIO

L'agenzia di rating mantiene stabile l'outlook sul lungo periodo nonostante il sequestro preventivo di 300 milioni a Telecom Italia Sparkle da parte dell'autorità giudiziaria: "La passività potenziale è limitata rispetto alle dimensioni del Gruppo"

di Mila Fiordalisi
L'inchiesta in corso sulla controllata di Telecom Italia Sparkle non avrà effetti significativi sui rating di lungo periodo del gruppo Telecom Italia. Questo il parere dell'agenzia Fitch, che attualmente ha giudizio 'BBB', con outlook stabile.

"La passività potenziale è limitata rispetto alle dimensioni del gruppo e al suo profilo finanziario", si legge in una nota. I 300 milioni sequestrati dall'autorità giudiziaria in via preventiva a Sparke sono riservati alla copertura di eventuali ammanchi fiscali e l'impatto operativo su Telecom Italia "sembra essere minimo", dice l'agenzia.

L'agenzia ricorda inoltre - riferendosi ai conti preliminari dell'azienda diffusi la scorsa settimana (l'approvazione di bilancio è stata rimandata al 25 marzo a seguito dell'inchiesta sul riciclaggio) - che "nonostante prosegua il trend di calo dei ricavi, soprattutto nel mobile in Italia, Telecom è stata capace di mantenere il suo profilo di generazione di cassa con la riduzione delle spese operative e degli investimenti".

01 Marzo 2010