Il futuro del cloud? Semplificare la sicurezza

SCENARI

Dal settore bancario a quello commerciale, il 2016 sarà l'anno della corsa all'esternalizzazione della security. La chiave, secondo Amazon, è nella nuvola

di Antonio Dini

La guerra delle nuvole passa anche dalle loro posizioni. Dopotutto, cloud vuol dire un modo diverso per consumare risorse informatiche e questo richiede un modo nuovo di pensare. Anche la sicurezza. Lo sostiene il CTO di AmazonWerner Vogels, nelle sue previsioni per l’anno appena iniziato di cui abbiamo parlato in un precedente articolo.

«Semplificare la sicurezza – dice Vogels – vuol dire che il cloud diventa il modo migliore per proteggere il proprio business e i propri clienti». Vogels è infatti convinto che a partire dal 2016 assisteremo ad una generale accettazione del fatto che le aziende sono più sicure sul cloud che nei propri data center. Questo mutamento di approccio secondo Vogels sta già avvenendo e ne sono testimonianza le imprese che stanno migrando i loro processi critici sul cloud, per sfruttare i benefici immediati offerti dalle più recenti innovazioni in materia di sicurezza operativa e dagli strumenti che permettono di configurare la sicurezza in modo specifico per proteggere le loro applicazioni. Sgravarsi della gestione e del miglioramento dell’infrastruttura di sicurezza, affidandoli ad un provider cloud, secondo Vogels sta semplificando la sicurezza di aziende di tutte le dimensioni.

«Sorprenderà molti - dice il CTO Di Amazon – ma uno dei primi settori in cui abbiamo visto affermarsi questa tendenza sono i servizi finanziari. Durante la conferenza clienti all’AWS re:Invent di quest’anno Rob Alexander, Chief Information Officer del gigante del settore bancario e delle carte di credito Capital One ha detto: “Il settore dei servizi finanziari attira l’interesse di alcuni dei peggiori criminali informatici. Lavoriamo a stretto contatto con Amazon Web Services (AWS) per sviluppare un modello di sicurezza, che ci permetta di operare in modo più sicuro nel cloud che nei nostri stessi data center”». 

Come risultato di questo nuovo approccio, Capital One sta ora utilizzando AWS per portare il numero dei suoi data center da otto a tre entro il 2018 e sta sperimentando quasi tutti i servizi AWS per sviluppare, testare, costruire ed eseguire i suoi carichi di lavoro più critici sul cloud, compresa la sua nuova applicazione per il mobile-banking. Visto il crescente numero di aziende che si stanno spostando sul cloud, in particolare in settori sensibili alla problema della sicurezza informatica come i servizi finanziari, le utilities, i trasporti e il settore pubblico, Vogels è convinto che il 2016 sarà l’anno in cui il cloud diventerà mainstream e verrà unanimemente accettato come il luogo dove archiviare i contenuti, se si desidera mantenerli al sicuro e se si vuole rafforzare e semplificare la propria sicurezza.

©RIPRODUZIONE RISERVATA 19 Gennaio 2016

TAG: amazon, cloud, outsourcing, werner vogels, security

SCARICA L'APP PER IL TUO
SMARTPHONE O TABLET
App Store App Store

Correlati