Cdp spinge sull'ultrabroadband, Gallia: "Tema prioritario"

L'AUDIZIONE

L'Ad di Cassa depositi e prestiti sulle strategie di sviluppo della banda ultralarga: "Stiamo discutendo con molti e vedremo cosa potrà succedere. Sosterremo il più possibile il programma del Governo. Necessario accelerare gli investimenti"

di A.S.

I vertici di Cassa depositi e prestiti sono stati ascoltati oggi in audizione informale dalla commissione attività produttive della Camera sul piano industriale 2016-2020, e hanno confermati l’impegno della società per contribuire al raggiungimento degli obiettivi fissati dal Governo sulla banda ultralarga. “Il tema della banda larga è per noi certamente prioritario”, ha detto Fabio Gallia (nella foto), amministratore delegato di Cdp. “Metroweb è un attore relativamente piccolo ma ha le competenze per fare questo mestiere - ha proseguito - vedremo se potrà continuare da sola o potrà mettersi insieme con altri operatori. Stiamo discutendo con molti e vedremo quello che potrà succedere. Spero tra poco di poter dare una risposta con l'obiettivo di fare gli investimenti e di valorizzare Metroweb". “Sosterremo il più possibile il programma del Governo, che però, va ricordato, non è fermo: Telecom sta investendo, Metroweb investe, adesso vedremo cosa farà l'Enel e poi ci sono anche altri che stanno lavorando”.

"Il leitmotiv di questo piano è la parola promozione, Cassa deve essere promotore di progetti che attraggono capitali per investimenti profittevoli. La promozione è una delle più
importanti chiavi di lettura di questo piano", ha detto il presidente di Cdp Claudio Costamagna ai parlamentari della commissione, sottolineando che Cassa Depositi e prestiti “è in prima linea per l'uso del piano Juncker”.

©RIPRODUZIONE RISERVATA 26 Gennaio 2016

TAG: Fabio Gallia, Cassa Depositi e prestiti, Cdp, Claudio Costamagna, banda ultralarga, ultrabroadband

SCARICA L'APP PER IL TUO
SMARTPHONE O TABLET
App Store App Store