Call center, crisi Gepin Contact: lavoratori in sciopero

LA MOBILITAZIONE

Presidio a Roma dei dipendenti dell'ex contact center di Poste Italiane: a rischio 450 lavoratori su 600. Affondo della Slc Cgil: "Le gare sono assegnate al massimo ribasso, a un prezzo che non fa coprire alle aziende neanche il costo del lavoro minimo". Il Mise si impegna a convocare a breve Poste

di Federica Meta

Sciopero e presidio a Roma dei lavoratori di Gepin Contact, ex call center di Poste Italiane. A proclamare l'astensione dal lavoro a livello nazionale, per l'intero turno di tutto il personale, sono le state le segreterie nazionali di Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil e Ugl Telecomunicazioni "per la difesa dei posti di lavoro e a supporto della vertenza". I sindacati hanno anche organizzato un presidio presso il ministero dello Sviluppo Economico dalle ore 10,00 alle 14,00.

"Il Mise - annuncia Gabio G.Gozzo della Uilcom - ha preso l'impegno a convocare a breve Poste per trovare una soluzione per i 430 lavoratori che rischiano il lavoro. Il ministero terrà tutta la situazione societaria di Gc sotto particolare osservazione anche alla luce dei recenti passaggi proprietari"

"In Gepin Contact, -affermano i sindacati- la situazione recentemente è diventata sempre più difficile a causa della perdita della commessa principale dei servizi di Contact Center di Poste Italiane, assegnata al massimo ribasso a prezzi stracciati, che sta determinando un esubero di circa 450 lavoratori sui 600 complessivamente impiegati nel gruppo". "Gli ammortizzatori di cassa integrazione ordinaria -aggiungono- sono ormai in fase di esaurimento ed alcuna nuova commessa, malgrado le promesse iniziali, è stata acquisita dalla nuova proprietà societaria".

Gepin Contact ha sedi a Casavatore (Napoli) e a Roma, e da 13 anni gestiva il call center nazionale del servizio postale, che rappresentava la commessa più importante. Gli ultimi due anni sono stati segnati, da un lato, da cambi di gestione, acquisizioni e mutamenti di progetto che hanno indebolito la società, dall’altro, dalla mancata partecipazione (per una complicata questione di conflitto di interesse) ai nuovi bandi di gara. Appalti che vengono però contestati dalla Slc Cgil, che nei giorni scorsi ha denunciato la vicenda in una conferenza stampa organizzata a Montecitorio, assieme al presidente della Commissione Lavoro della Camera Cesare Damiano e al deputati Pd Marco Miccoli.

“Poste ed Enel bandiscono gare di appalto per l’assistenza dei loro clienti a un prezzo che non fa coprire alle aziende che vincono neanche il costo del lavoro minimo dei loro dipendenti - spiega  il segretario nazionale Riccardo Saccone: “La commessa di Poste è stata data a 0,29 centesimi di euro al minuto, che sviluppa un prezzo ridicolo di quattordici euro l’ora complessivo. A fronte di un ‘prezzo di sicurezza’ che dovrebbe aggirarsi sui 27-28 euro all’ora per permettere una giusta retribuzione al lavoratore, un guadagno legittimo al datore di lavoro e anche di investire qualcosa in innovazione e ricerca”. Anziché straparlare di libera concorrenza, ha concluso l’esponente della Slc Cgil, tutta la politica “dovrebbe aiutare i vertici di Poste, un’azienda pubblica che dovrebbe avere ancora più attenzione alla responsabilità sociale, a comprendere la gravità del proprio errore. La competizione deve essere regolata in maniera precisa, altrimenti finisce per essere solo la sopraffazione del più debole a opera del più forte o, peggio, del più furbo”.

"Tale iniziativa - spiega il segretario generale della Ugl Telecomunicazioni, Fabrizio Tosini - è a difesa dei posti di lavoro dei dipendenti dell'ex call center di Poste ItalianeLa perdita della commessa principale dei servizi di Contact Center di Poste Italiane - aggiunge il sindacalista - assegnata al massimo ribasso, sta provocando un esubero di circa 450 lavoratori sui 600 impiegati nel gruppo Gepin Contact". "Inoltre - conclude - non è stata acquisita nessuna nuova commessa e gli ammortizzatori di cassa integrazione ordinaria sono ormai in fase di esaurimento".

©RIPRODUZIONE RISERVATA 09 Febbraio 2016

TAG: call center, gepin contact, poste italiane, riccardo saccone

SCARICA L'APP PER IL TUO
SMARTPHONE O TABLET
App Store App Store