Infracom chiude in bellezza il 2015: in crescita ricavi e redditività

DATI FINANZIARI

Il fatturato si attesta a quasi 100 milioni (+5%) e l'Ebitda a 25 in aumento del 5%. L'indebitamento è diminuito di 9,2 milioni. A marzo il nuovo piano industriale

di F.Me

Si chiude in bellezza il 2015 di Infracom. L'azienda ha visto i valori del conto economico risultano anche quest’anno in netto miglioramento con un ritorno al margine operativo positivo "nonostante il persistere della difficile congiuntura economica del mercato Ict italiano", spiega una nota. Lunesì 8 febbraio il Cda ha approvato il progetto di bilancio per l'esercizio 2015.

Entrando nel dettaglio, i ricavi sono ulteriormente in crescita del 5% e si attestano a quasi 100 milioni, con un Ebitda di 25 milioni, in crescita anch’esso di oltre il 5%.

Cresce anche l’ordinato dei servizi core business di Infracom, anche grazie all’acquisizione di circa 300 nuove imprese cliente, tra le quali importanti realtà del settore media & broadcasting, manifatturiero e servizi. "La presenza di ben 130 operatori nazionali ed internazionali nelle sale Avalon dei Data Center di Milano Caldera e Assago è risultata, anche nel 2015, elemento di assoluto valore per il mercato degli Ott (Over The Top) e dei Cloud Provider, che hanno incrementato in maniera significativa i servizi acquisiti da Infracom",. evidenzia la nota.

Con l’apertura in particolare del nuovo sito di Milano Assago, Infracom ha infatti  potenziato i propri investimenti nei Data Center oltre che nelle infrastrutture di rete a Banda Ultra Larga.

Note positive anche dall’Area aziendale dedicata alla diffusione dell’Erp proprietario Panthera che conferma il suo trend positivo; aumento del 5% dei ricavi  grazie all’acquisizione di circa 90 nuovi Clienti e all’adesione al progetto di 6 nuovi Distributori, infine outlook positivo per il 2016 grazie ad un incremento del 28% del portafoglio ordini.

Infracom Italia ha dunque centrato l’ambizioso obbiettivo che si era posto l’Ad Giancarlo Albini a inizio 2015 di raggiungere un margine operativo positivo. Traguardo ottenuto in appena un anno grazie ad un Ebit positivo per 200 mila Euro - prosegue l'azienda - a dimostrazione dell’entità e qualità del lavoro svolto in questi anni percorrendo la strada segnata da un rigoroso e realistico Piano Industriale. L’esercizio 2015 registra una perdita omnicomprensiva di circa 400 mila euro, ma con un miglioramento di 2,5 milioni rispetto all'esercizio precedente, grazie all’ottima capacità di generare cassa a servizio della gestione caratteristica.

In netto miglioramento i valori dello stato patrimoniale. L'indebitamento è diminuito di 9,2 milioni e il capitale investito netto si riduce di 9,5 milioni. A tale diminuzione contribuisce in modo significativo il contenimento del fabbisogno di capitale circolante, con investimenti effettuati per 20 milioni, dei quali circa 11 milioni destinati al potenziamento della rete di telecomunicazione.

“Siamo soddisfatti del lavoro svolto. Infracom dopo un rigoroso processo di rifocalizzazione ed efficientamento ritorna a registrare un margine operativo positivo, a dimostrazione della capacità competitiva dell’azienda. – dichiara il presidente Attilio Schneck -  Infracom si trova ora ad affrontare un'ulteriore importante fase di sviluppo con asset e competenze accreditate. Il Consiglio di Amministrazione della società sarà chiamato entro il prossimo mese di marzo ad approvare il nuovo piano industriale”.

“Il predisponendo piano industriale – spiega l’Ad Albini – punta sulla capacità distintiva di Infracom Italia di coniugare infrastrutture e competenze nel settore delle telecomunicazioni e dell’informatica. Si svilupperà su tre parole chiave: servizi di data center evoluti, sviluppo di reti a banda ultra larga per aree business, sicurezza informatica (cyber security)”.

 

Dati economici milioni €

 

Anno 2015

Ricavi

 

99,5

Margine operativo lordo (EBITDA)

 

24,8

Margine operativo netto (EBIT)

 

0,2

Risultato netto

 

-0,4

Dati finanziari milioni €

 

Anno 2015

Net cash flow

 

9,4

Investimenti

 

20,7

 

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA 09 Febbraio 2016

TAG: infracom, giancarlo albini

SCARICA L'APP PER IL TUO
SMARTPHONE O TABLET
App Store App Store