Nuvole più affidabili. Ecco il TCloud di Telefonica

CLOUD COMPUTING

In linea con gli auspici della Distributed management task force l'operatore spagnolo rilascia l'Api per una maggiore standardizzazione dei sistemi cloud

di Patrizia Licata
Il futuro del cloud computing dipende anche dall'affermazione di standard e sistemi interoperabili. E in questo futuro Telefónica vuole giocare un ruolo da protagonista. E' in tale ottica che il colosso telecom spagnolo ha rilasciato TCloud, l’Api per l’interoperabilità del cloud computing, uno strumento (basato sulla specifica Api vCloud 0.8 pubblicata da VMware) disegnato soprattutto con l’obiettivo di aggiungere caratteristiche di affidabilità, sicurezza e network intelligence al cloud computing offerto dall’integrazione avanzata delle reti di telecomunicazione. In più, TCloud cerca di espandere gli attuali modelli di cloud computing garantendo più flessibilità e controllo ai clienti.

Telefonica ha anche mandato la Api alla Distributed management task force (Dmtf), l’organizzazione che promuove all’interno dell’industria It la collaborazione sullo sviluppo e l’adozione di standard per la gestione dei sistemi, che la sottoporrà a revisione tecnica. La richiesta di Telefonica sarà analizzata, in particolare, dal Dmtf Open cloud standards incubator, che attualmente sta lavorando sulla pubblicazione di una serie di raccomandazioni sugli standard del cloud management.

Secondo la definizione del Dmtf, il cloud computing è “un approccio all’offerta dei servizi It che si configura come estremamente agile e molto meno costoso per i clienti. Questo approccio impatta non solo sul modo di usare l’informatica ma anche sulla tecnologia e i processi che le aziende e i provider di servizi usano per realizzare e gestire l’It”.

La decisione di Telefónica di rilasciare l’Api rientra nel suo obiettivo di diventare un player chiave del cloud computing. “Nei servizi Ict, siamo molto attivi e abbiamo avuto buoni risultati. Questa è una buona base per continuare a lavorare su questo tipo di soluzioni sfruttando le potenzialità delle nuove tecnologie come il cloud computing”, secondo Julio Linares, Chief operating officer di Telefónica.

L'apporto che viene dato a una delle principali organizzazioni che sviluppano standard nel settore cloud dimostra anche l’impegno di Telefónica a promuovere la standardizzazione e l’interoperabilità del cloud computing. Il colosso spagnolo si dice pronto a unire le forze con i maggiori attori del cloud per favorire la creazione e diffusione di standard all’interno dell’industria che possano rendere il mercato del cloud computing più dinamico. “Sono contributi da membri come Telefonica che aiutano a posare le fondamenta per il futuro sviluppo di standard in questo settore”, commenta Winston Bumpus, presidente del Dmtf.

06 Aprile 2010