Zte, profitti a +48%. "Spingeremo sull'internazionalizzazione"

BUSINESS

L'azienda in pole position nel mercato 3G cinese. Cresce il market share in Europa e Usa. Il chairman Weigui: "Vogliamo diventare una vera azienda multinazionale"

di Federica Meta
Zte archiva il 2009 con ricavi e profitti in forte crescita. La società cinese ha infatti registrato un fatturato di circa 8,82 miliardi di dollari (circa 6,6 miliardi di euro), in aumento del 36,08% rispetto al 2008, mentre l’utile netto è cresciuto del 48,06% a 359,7 milioni di dollari (circa 270 milioni di Euro). L’utile standard per azione è stato pari a 0,21 dollari e il flusso di cassa delle attività operative per azione di 0,28 dollari.

Il Consiglio di amministrazione ha suggerito il pagamento di un dividendo finale per l’anno 2009: la creazione di 5 azioni per ogni 10 azioni e un dividendo in contanti di 0,44 dollari per ogni 10 azioni (tasse comprese).

Nel corso dell’anno, il fatturato derivante da attività nazionali ha raggiunto 4.449,6 milioni di dollari, con una crescita del 74,04% rispetto al 2008. La realizzazione di reti 3G è stata supportata dal governo come driver per la crescita economica. Sfruttando questa opportunità, Zte è diventata il principale fornitore di apparati 3G della Cina, dominando le gare per la costruzione delle reti dei tre principali operatori del paese, con i quali ha siglato partnership strategiche. Inoltre, sono state registrate vendite elevate dei prodotti: Td-Csma, Cdma (nel mobile) e xPon/Fttx (nel fisso).

Per quanto concerne le attività internazionali, il fatturato è salito a 4.371,1 milioni (+11,34%) e rappresenta il 49,56% del fatturato totale del gruppo. "Zte ha superato l’impatto della crisi finanziaria e ha sostenuto la crescita nel mercato delle telecomunicazioni internazionale, grazie ai prezzi competitivi, una avanzata tecnologia e una solidità finanziaria - si legge nella nota diffusa dall'azienda -. Con un’ampia gamma di prodotti per le telecomunicazioni, sia fisse che mobili, nell’area del trasporto, dell’accesso e dei Servizi, il gruppo ha conquistato mercati importanti in Europa e in America, che diventeranno zone di crescita per Zte nei prossimi anni".

“Nel 2009, il gruppo ha ottenuto risultati e crescite significative nella fornitura di apparati per le reti degli Operatori. Abbiamo raggiunto la prima posizione per il mercato mobile 3G cinese, mentre il fatturato europeo e americano è aumentato in termini di percentuale sulle vendite globali del gruppo - spiega Hou Weigui, Chairman di Zte -. Il successo che abbiamo riscosso è stato generato grazie sia alle nostre capacità di una intensa ricerca e sviluppo sulle moderne tecnologie di telecomunicazioni, sia alla rapidità nelle consegne ed implementazioni delle nostre soluzioni, vincendo in tal modo importanti contratti per la realizzazione delle reti per noti Operatori come Csl, Kpn e Telenor”.

La divisione terminali (telefoni cellulari e chiavette internet) ha visto una forte crescita nel 2009, migliorando costantemente nella consegna dei prodotti. Sul mercato nazionale, il successo e la crescita dei nostri terminali sono stati trainati dal segmento 3G. A livello internazionale, l'azienda ha conquistato importanti mercati e aggiunto diversi nuovi Operatori quali suoi clienti. Le vendite dei terminali in Europa e negli Stati Uniti sono notevolmente aumentate nel 2009, confermando la prospettiva positiva per la realizzazione degli obiettivi di vendita e sviluppo dell’azienda per il 2010.

“Quest’anno ci concentreremo sul potenziamento delle capacità di integrazione delle nostre soluzioni e lavoreremo per migliorare ulteriormente la qualità dei prodotti forniti ai nostri clienti, ottimizzando la nostra strategia competitiva, lo sviluppo dei nostri prodotti, la riduzione dei tempi di consegna e le nostre attività marketing e commerciale sul mercato - conclude il chairman -. Nel frattempo continueremo ad aumentare l’efficienza e a perseguire l’internazionalizzazione di Zte, ponendo le basi per diventare un vera azienda multinazionale, sfruttando le opportunità che ci si presentano”.

12 Aprile 2010