Palm a rischio vendita e già spuntano i pretendenti

LA CRISI

L’azienda californiana avrebbe dato incarico a un pool di esperti di cercare compratori e offerte d’acquisto. Tra le società interessate Htc, Lenovo e Nokia

di Antonello Salerno
Uno dei pionieri degli Smartphone, Palm, potrebbe presto gettare la spugna, e annunciare già nel corso di questa settimana la propria intenzione di vendere: avrebbe già dato mandato a un pool di agenzie specializzate di sondare il terreno per trovare un acquirente. La notizia, che era già circolata per i canali ufficiosi nei giorni scorsi, viene riproposta oggi da Bloomberg, che cita a sostegno della proprie tesi tre fonti autorevoli vicine all’azienda che hanno però chiesto di rimanere anonime. I primi segnali di interessamento sarebbero già arrivati dalla taiwanese Htc corporation e dal gruppo cinese Lenovo. Palm offrirebbe tra l’altro ai pretendenti il software WebOs, uno dei concorrenti dei sistemi operativi di Apple per l’iPhone e di Google.

La società californiana con base a Sunnyvale ha potuto contare soltanto la scorsa settimana su un rialzo del 32% al Nasdaq, e si considera che questo possa essere dovuto all’attività degli speculatori nell’attesa che sia ufficiale un’offerta per rilevare l’azienda. Ma prima di questa impennata soltanto quest’anno le azioni erano scese di più del 60%, trascinate in basso dai dati negativi sulle vendite degli ultimi modelli di telefono. Palm ha al momento un valore di mercato poco superiore agli 870 milioni di dollari, e si classifica sesto tra I produttori di smartphone in Nord America negli ultimi tre mesi del 2009.

Da Palm e dalle società che sarebbero state incaricate di trovare acquirenti non arrivano commenti ufficiali, e Htc - come Lenovo - preferisce non esporsi sul proprio interesse per l’azienda californiana. Anche da Nokia, un’altra delle aziende che i “rumors” mettono in cima a quelle che potrebbero essere interessate all’acquisto, nessuno vuole uscire allo scoperto, mentre i più informati dicono che Dell avrebbe prima preso in considerazione e poi scartato l’idea di fare un’offerta.
Tra gli esperti del settore che commentano la notizia, c’è anche chi pensa che la strada che porta Palm in seno ad Htc o a Lenovo sia quella meno probabile, indicando tra i concorrenti più accreditati e che più avrebbero da guadagnare i grandi produttori cinesi come Huawei e Zte, bisognosi di espandere il loro mercato internazionale.

12 Aprile 2010