Una rete franchising per il WiFi

ALTERNATYVA

Il provider AlternatYva prosegue la lotta al digital divide. La nuova sfida del provider wifi è ora il franchising: dopo essersi attestato come primo operatore wifi nel Lazio, alternatyva vuole estendere in tutta Italia il proprio modello di business vincente.

Nato nel 2006, con l’obiettivo di contrastare il divario digitale, nel giro di 4 anni ha avuto una crescita esponenziale raggiungendo oggi quasi 6.000 clienti attivi. La sua copertura si estende a macchia d’olio in tutta la regione Lazio ed è segnalata sul sito della provincia di Roma zerodigitaldivide.

La storia di alternatYva è iniziata come una scommessa, con un piccolo capitale di 15.000 euro il provider ha offerto risposte e soluzioni inimmaginabili agli utenti mantenendo prezzi low cost e alte prestazioni. Entro l’anno Alternatyva prevede di raggiungere oltre il milione di euro di fatturato. E a fine maggio si partirà con il franchising.

Il Progetto del franchising che si estenderà a tutte le regioni d’Italia, isole comprese prevede la replica del proprio modello di business attraverso un sistema di affiliazione. L’investimento economico che il franchisee(comuni, imprenditori, etc) deve affrontare è di circa 20.000 euro per una copertura di 10.000 abitanti.

AlternatYva fornirà al franchisee il know how necessario alla progettazione e alla realizzazione degli hot spot e tutti quei servizi a sostegno dell’esperienza imprenditoriale, dal call center ai servizi di billing.

La rete costituita dal franchisee non sarà altro che un’estensione del franchisor stesso.

Dopo circa un anno l’investitore recupererà interamente lo sforzo iniziale e negli anni successivi andrà in utile. E’ evidente che l’entità dell’utile verrà influenzato da diversi fattori quali le capacità del franchisee e lo spirito d’iniziativa e imprenditoriale.

Di rilevanza anche l’indotto che muoverà tale progetto. Il franchising prevede, infatti, un movimento anche nel mercato lavorativo: con la ricerca di figure professionali che andranno dalle ditte installatrici fino a figure prettamente commerciali. La soluzione che alternatiYa a breve offrirà permetterà, dunque, non solo di abbattere il divario digitale ma anche di dare un nuovo slancio occupazionale in un momento in cui la crisi economica continua a farsi sentire.

16 Aprile 2010