Olanda, avanti tutta con la fibra

ULTRA BROADBAND

I progetti per l'implementazione dell'Ftth crescono nonostante la concorrenza delle aziende del cavo e i problemi di finanziamento. Obiettivo: ultrabroadband per 1,5 milioni di cittadini al 2014

di Patrizia Licata
Il numero di abitazioni olandesi raggiunte dalla fiber-to-the-home arriverà a 1,5 milioni entro il 2014, pari a una penetrazione di circa il 19% sul totale delle case, secondo l’ultimo studio Telecompaper sul mercato olandese dell’Ftth. Tra quattro anni, circa il 32% delle abitazioni in Olanda dovrebbe avere accesso a servizi del tipo fiber-to-the-home.

Alla fine del 2009 le case connesse con l’Ftth erano, secondo le stime, il 5,7% del totale e il 2,4% ne usava i servizi. Al momento, nei Paesi Bassi, l’Ftth è stato realizzato in quasi 50 Comuni.

L’Olanda sta spingendo con convinzione sui progetti per la fiber-to-the-home e il 2009 è stato un anno di discreti successi, con diverse nuove iniziative. La concorrenza del Dsl, con la sua ultima versione Vdsl2, e delle aziende del cavo che stanno implementando il Docsis 3.0, ha rallentato in parte la realizzazione dei progetti Ftth, ma la crescita è stata limitata anche dalla crisi economica e da problemi di finanziamento.

Tuttavia llo sviluppo va avanti e la ricerca di Telecompaper prevede che a fine 2010 almeno 70 comuni olandesi avranno avviato progetti per l’Ftth. Leader assoluto del mercato è Reggefiber, presente nel 93% delle case raggiunte dall’Ftth e che controlla l’83% degli abbonati.

23 Aprile 2010